Le spese del Comune di Mineo (I)

Senzanome

È da pochi giorni in rete uno strumento realizzato dal governo italiano per avvicinare i cittadini alle Istituzioni. La Banca d’Italia, il SIOPE (Sistema Informativo delle Operazioni degli Enti Pubblici) e l’Agenzia per l’Italia Digitale (Presidenza del Consiglio dei Ministri) hanno fatto partire il progetto “SoldiPubblici” (soldipubblici.gov.it). Si tratta di una banca dati, di facile consultazione, delle spese dichiarate da parte degli Enti Locali. Ogni voce di spesa è accompagnata da una breve descrizione.
L’Osservatorio per la Trasparenza Amministrativa a Mineo ha messo alla prova il sito con una ricerca riguardante le spese comunali. Sono uscite 72 voci di spesa, ciascuna con il corrispondente dato mensile per novembre 2014, il totale del 2013 e il totale del 2014. In questa sede verrà esaminata solo una piccola parte delle informazioni ricavate, chi fosse interessato all’insieme completo dei dati o a qualche voce in particolare potrà consultare direttamente la pagina del sito.
La prima cosa che si nota confrontando i totali per gli anni 2013 e 2014 delle stesse voci di spesa è – in molti casi – una grande variabilità delle somme riportate. Il fenomeno non si può spiegare senza ulteriori informazioni, che in futuro dovranno essere oggetto di apposite indagini. Per esempio, la voce Altri pagamenti da regolarizzare (pagamenti codificati dal tesoriere) ammonta a € 0,00 per il 2013, mentre al 2014 è segnata la ragguardevole cifra di € 294.455,25. Molte voci sono di importo modesto quando non pari a zero, altre che teoricamente non dovrebbero avere significative variazioni da un anno all’altro invece mostrano forti differenze, come per esempio la voce Imposte sul registro che da € 791,79 per il 2013 è passata a € 4.025 per il 2014, cioè oltre il quadruplo a fronte di non si sa bene quale evento nel frattempo intervenuto a causare tale incremento. Se il Comune di Mineo nel 2013 aveva speso € 2.308,51 per Spese per gli organi istituzionali dell’ente – rimborsi, si è ritrovato a avere uscite di oltre dieci volte quella cifra nel 2014: € 37.942,42. In altri casi la tendenza è rovesciata, per esempio le voci Manutenzione ordinaria e riparazioni di automezzi (da € 5.095,78 si è scesi l’anno successivo a € 870,00) e Restituzione di tributi ai contribuenti (da € 5.649,19 a € 788,98), ma si è speso molto di meno anche per Medicinali, materiale sanitario e igienico: da € 6.264,02 a € 1.752,85.
Alcune voci appaiono di difficile decodifica per i non addetti ai lavori, che di conseguenza faticano a valutare la congruità delle somme e le ragioni del loro variare da un anno al successivo, come per esempio le Transazioni (esclusa obbligazione principale) che sono passate da € 16.020,18 a ben € 41.978,50. Meno spese per i Buoni pasto e mensa per il personale, ridotte a un quarto (da € 16.055,15 a € 4.325,99), ma c’è stato un aumento nei costi Utenze e canoni per il riscaldamento (da € 19.104,55 a € 31.865,10).
Sono aumentate anche le Spese per liti (patrocinio legale), da € 51.565,04 alla consistente cifra di € 182.105,05 e i Trasferimenti correnti a istituzioni sociali private, da € 130.928,08 a € 175.168,69, insieme ai contratti di servizio per smaltimento rifiuti che da € 801.460,51 oltrepassano il milione di euro con ben € 1.130.303,92.
Molti sono i dati sui quali ci si riserva di tornare successivamente con maggiori strumenti di comprensione e chiarimento. Tra l’altro, si dovrà tentare una verifica indiretta delle ipotesi che erano state proposte in una precedente occasione, laddove era stato esaminato e descritto il nuovo Organigramma dell’Ente Comunale, che dovrebbe portare tra i risultati attesi anche una riduzione delle spese senza intaccare l’efficacia e l’efficienza degli uffici nell’erogazione dei servizi ai cittadini. In questa sede di prima ricognizione superficiale, rimane in ultimo da notare che la voce di spesa più alta tra le 72 riportate nella banca dati è Pagamenti da regolarizzare derivanti dal rimborso delle anticipazioni di cassa (pagamenti codificati dal tesoriere) con € 5.398.078,95 per il 2013 scesi nel 2014 a € 3.764.214,90, mentre al secondo posto si colloca il costo dei dipendenti comunali, Competenze fisse per il personale a tempo indeterminato, da € 1.760.283,86 nel 2013 a € 1.388.874,77 nel 2014.

Osservatorio per la Trasparenza Amministrativa a Mineo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...