Mineo, un paese in vendita… anzi in svendita

di Alessandro Manzoni

2011.11.01 – L’incapacità, l’inerzia, la mancanza di idee, programmazione e progetti degli attuali amministratori del nostro paese non ha limiti e non finisce di stupire. Dalle poche notizie che trapelano dal “palazzo” si intuisce che Mineo è un paese allo sbando; siamo sull’orlo di un precipizio con la prospettiva di una inevitabile caduta. In campagna elettorale l’attuale sindaco aveva promesso di rendere il palazzo di città un palazzo di vetro, senza nessun segreto per i cittadini, aveva promesso inoltre un costante dialogo con tutti, impostato sulla trasparenza e sulla lealtà. Ha invece creato un palazzo blindato, una cortina di ferro impenetrabile e si ostina a non dare risposte e a nascondersi nella sua “tana del lupo” di hitleriana memoria portando avanti provvedimenti atti esclusivamente a placare gli insaziabili appetiti di improbabili amici e cortigiani/e.
Coloro che – sostituendosi ai consiglieri di opposizione – chiedono legittimamente notizie sul perché di scellerate scelte amministrative, vengono accusati di essere in perenne campagna elettorale e additati come individui sovversivi rompi… L’imperativo è il non dialogo, la congiura del silenzio, tattica poco democratica che ha sempre funzionato in passato. Il silenzio nasconde tutti i loro limiti, la loro incapacità e l’atavica inerzia e mancanza di prospettive. Il silenzio porta a pensare ad indicibili interessi e atti poco chiari.
Il massimo del disprezzo per il proprio paese gli amministratori lo hanno raggiunto nel momento in cui hanno pensato di cedere parte del nostro territorio al Comune di Grammichele solo perché non sono capaci di gestirlo e di dare idonei servizi ai cittadini che lo abitano. Probabilmente stanno pensando anche di cedere la zona dell’ex-rione Sant’Ippolito al Comune di Palagonia e la zona ex-Contrada Acquanuova al Comune di Militello, sempre per lo stesso motivo. Tutto questo porterebbe a un duplice vantaggio: vengono eliminati quei cittadini che osano chiedere e sono in perenne campagna elettorale, e rimangono solo gli amici asserragliati nel bunker a compiacersi di sé stessi.
Se avessimo avuto un’Amministrazione aperta al dialogo avrei chiesto se corrisponde al vero che per il Natale nei Vicoli è stata messa in bilancio la somma di euro 80.000, insufficiente perché le richieste di incentivi e progetti-obiettivi da parte dei soliti amici si fanno sempre più incalzanti relegando a un ruolo marginale i veri protagonisti del Natale e cioè i presepisti. Avrei sicuramente chiesto quale è stato il criterio di scelta seguito per individuare le persone che si occuperanno del prossimo censimento della popolazione e perché non si sono privilegiate scelte che avrebbero potuto dare delle risposte a quei cittadini disoccupati. Avrei voluto chiedere il criterio che si è adottato per individuare l’ultimo assessore designato, sicuramente una degnissima persona ma uno che non vive a Mineo, uno che non conosce la nostra città, uno che non conosce i meccanismi che regolano la nostra Amministrazione e, data questa premessa, uno che sicuramente sarà in balìa dei funzionari afferenti all’area dell’incarico – probabilmente è questo quello che si vuole. Mi viene da chiedere, ancora, come mai per una stessa richiesta avanzata tempo fa dal gruppo dell’Mpa, e cioè la nomina di un assessore che non vive a Mineo, si sono erette le barricate, si è gridato allo scandalo, si è rasentata una crisi istituzionale. Siete stati bravissimi a non designare un assessore vicino all’attuale Presidente della Regione, veramente bravi. Quanta miopia politica nelle vostre azioni, quanta incapacità, quanto dilettantismo.

Che Dio ce la mandi buona!

Notizie storiche: è opportuno ricordare che nella tana del lupo, edificio tra il monastero e il campo di concentramento, è avvenuta nella notte dei lunghi coltelli l’attentato al Fuhrer da parte di alcuni dei suoi luogotenenti. Dal che si deduce, ieri come oggi, che fuggire non serve a niente.

Annunci

2 thoughts on “Mineo, un paese in vendita… anzi in svendita

  1. Vorrei scusarmi con i lettori e con il neo assessore comunale con delega ai servizi sociali e alla polizia municipale, se non erro, scrivendo che è una persona che non vive a Mineo in realtà non avevo individuato bene l’interessato che posso assicurare, avendo in passato collaborato con lui, che vive a Mineo ed è una brava persona, forse un po’ troppo brava, per distrecarsi tra le cose di cui deve occuparsi

  2. Caro amico Manzoni,
    non si puo vendere & svendere Mineo ne alcuna altra città come un volgare cavolfiore.
    Il segreto della riuscita singola & collettiva sta nel lavoro solo nel lavoro ed il rispetto degli uni verso gli altri. ricordati che i nostri dirigenti ,locali, nazionali, internazionali riflettono la nostra immagine collettiva,dunque abbiamo quello che ci meritiamo!! smettiamo di pensare che il sindaco il primo ministro il presidente anno la bacchetta magica come cenerentola e fanno i miracoli ,bisogna svegliarsi essere un po piu umani con umiltà, guardiamo al futuro il passato non c’e piu proiettiamoci nel futuro per il bene dei nostri figli e dell’umanità.bisogna svegliarsi e smettere di andare di qua e di la dando la colpa agli altri dei nostri errori, domandare questo e quello fatevelo da soli e siete sicuri di riuscire.siate forti ed amatevi al posto di combattervi.ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...