“Villaggio della Solidarietà” – La protesta dell’8 novembre 2011 nei media

Immigrazione: protesta villaggio Mineo, SS 417 bloccata. Richiedenti asilo contro ritardi nel rilascio permessi soggiorno
ANSA, 8 novembre, 11:54
Nuova protesta dei migranti ospiti del villaggio della solidarieta’ di Mineo, nel Catanese, un centinaio di richiedenti asilo hanno invaso la strada statale 417, Catania-Gela, bloccandola. Sull’asfalto sono stati messi dei grossi massi e dei copertoni ai quali e’ stato appiccato il fuoco. Si sono registrati anche momenti di tensione. La protesta, contro i ritardi nel rilascio dei permessi di soggiorno e’ gia’ rientrata ma la strada e’ ancora bloccata.

Immigrati: protesta in centro Mineo, bloccata statale 417
Adnkronos, 8 novembre, 13:02
A Mineo, nel catanese, un centinaio di richiedenti asilo ospiti del villaggio della solidarieta’ hanno protestato sulla strada statale 417, bloccandola. Sull’asfalto sono stati posti grossi massi e copertoni dati alle fiamme. Si sono registrati anche momenti di tensione con persone presenti sul posto. La protesta e’ gia’ rientrata ma la strada e’ ancora bloccata. Sul posto sono presenti carabinieri e polizia.

IMMIGRAZIONE: PROTESTA VILLAGGIO DI MINEO, OCCUPATA STATALE CATANIA-GELA
Italpress, 8 novembre, 14:06
Nuova protesta, stamane, dei migranti che sono ospitati nel Villaggio della Solidarietá di Mineo, in provincia di Catania. Un centinaio di cittadini extracomunitari richiedenti asilo ha occupato le due carreggiate della strada statale 417 Catania-Gela. Lamentano presunti ritardi per il riconoscimento dello status di rifugiato politico. Il traffico é stato bloccato in entrambe le direzioni di marcia. É stato appiccato il fuoco a massi e copertoni piazzati sulla strada. Sul posto sono intervenuti carabinieri e polizia. La protesta é adesso rientrata.

Blocco dei migranti sulla Statale 417. Torna alta la tensione al Cara di Mineo
fonte
8 novembre 2011 – E’ una bomba ad orologeria pronta ad esplodere. Una miccia accesa che qualcuno prima o poi dovrà spegnere. Il Cara di Mineo, considerato da pochi una risorsa, è un problema che rende la vita difficile sia agli ospiti del centro che ai residenti della zona.
In questi mesi i richiedenti asilo hanno più volte lamentato lo stato d’isolamento in cui vivono e hanno protestato contro la qualità del cibo che gli viene somministrato. “Il riso è sempre annacquato e ci viene proibito di cucinare nei nostri alloggi”, dicono così come riportato da un quotidiano. Ma è l’assoluta lentezza burocratica a far ribollire gli animi dei migranti. Stamani, infatti, un centinaio di richiedenti asilo hanno invaso la strada statale 417, Catania-Gela, bloccandola con dei grossi massi e dei copertoni ai quali è stato appiccato il fuoco. Si sono registrati anche momenti di tensione con persone presenti sul posto. La protesta è scaturita contro i ritardi nel rilascio dei permessi di soggiorno e sebbene sia già rientrata, la situazione resta incandescente.
Da parte loro, gli agricoltori della zona, che da mesi si sono costituiti in un comitato, segnalano in un volantino le continue invasioni dei loro campi da parte dei migranti del Cara. Molti agricoltori lamentano che molti extracomunitari rubano i frutti ancora acerbi e altri aprono i rubinetti delle cisterne allagando i terreni, provocando così il deprezzamento dei prodotti agricoli.
Non è di questo avviso Giuseppe Castiglione che proprio oggi in una intervista rilasciata a un quotidiano La Sicilia riferendosi al volantino parla di “accuse vaghe” e di “un contenuto palesemente intimidatorio per gli immigrati”. Il presidente della Provincia di Catania, l’ente che è soggetto attuatore del Cara di Mineo, si sofferma anche sulle polemiche nate sui costi di gestione della struttura, la più grande d’Europa: “Sono in assoluto i più bassi d’Italia, grazie al soggetto attuatore”. Castiglione dice anche che il boom turistico nella zona del Calatino è da ricondurre alla massiccia presenza di forze dell’ordine dispiegate proprio per vigilare sul Cara e che sono alloggiate nelle strutture recettive dell’area.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...