(Grammichele) Per evitare il dissesto sindaco e assessori si azzerano le indennità

Risparmi per 42mila € Saranno di supporto alle fasce deboli

di Nuccio Merlini (“La Sicilia”, venerdì 4 Novembre 2011, p. 8)

Grammichele. Il governo taglia i fondi ai Comuni e gli amministratori grammichelesi rinunziano alla loro indennità per garantire i servizi e dare aiuto a chi versa in condizioni di bisogno.
Questo l’assunto della decisione adottata all’unanimità dal sindaco di Grammichele, Giuseppe Compagnone, e dagli assessori Renzo Giandinoto, Pietro Altamore, Francesco Belvedere, Giancarlo Giandinoto e Salvatore Vanella che, dopo aver devoluto già da un anno circa il 50% delle loro indennità alla Caritas cittadina, hanno adesso azzerato del tutto, quanto loro spettante. Tali somme – 42mila euro circa l’anno, congiuntamente ai tagli operati nei vari capitoli del bilancio – serviranno a compensare in parte i minori trasferimenti operati dal governo (circa 600mila euro), smorzando così il rischio di dissesto finanziario e assicurando patto di stabilità, indispensabili servizi ai cittadini senza aumento di tasse a loro carico, possibilità concrete per il rinnovo del contratto per tanti precari del Comune e attività di supporto per le fasce più deboli.
In un momento di grave crisi economica, che ha acuito ancor più i disagi delle famiglie e creato migliaia di nuovi poveri, arriva, dunque, dagli amministratori grammichelesi un esempio di buona amministrazione, che se fosse seguito da tutti i pubblici amministratori, contribuirebbe a far diventare l’Italia Nazione virtuosa e modello per tutti gli Stati.
«Assumendo questa decisione – dichiara il vice sindaco e assessore ai Servizi sociali, Renzo Giandinoto – garantiremo indispensabili servizi per i cittadini, non aumenteremo le tasse e proporremo un significativo esempio di buon governo».
«In un periodo come quello che stiamo attraversando, di gravi incertezze economiche e, di conseguenza, anche familiari e sociali – ribadisce il sindaco Giuseppe Compagnone – auspichiamo che il nostro gesto diventi patrimonio comune per politici e burocrati, perché solo così diventeremo più credibili e daremo risposte concrete ai cittadini sostituendo alle vacue parole concreti fatti».

Annunci

One thought on “(Grammichele) Per evitare il dissesto sindaco e assessori si azzerano le indennità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...