Il Comitato Cittadino di Mineo “Calatino solidale per davvero” sulle paure diffuse tra i cittadini

da “La Sicilia”, lunedì 1 agosto 2011, Provincia di Catania, p. 44.

 

Si veda anche il seguente video di Mediterraneo Sat, 28 luglio 2011:

Annunci

5 thoughts on “Il Comitato Cittadino di Mineo “Calatino solidale per davvero” sulle paure diffuse tra i cittadini

  1. Credo che quando manca il coraggio di parlare e agire con il proprio nome e la propria faccia, manca il presupposto più importante per una vita degna di essere vissuta alla luce del sole e non nei bassifondi dell’insolenza anonima. Ma non si scoraggi il sig. “Pippo Franco”, magari il giorno del riscatto da queste vigliaccherie arriverà anche per lui/lei e allora potrà finalmente smettere di andare in giro incappucciato/a come un bandito o un lebbroso dal volto sfigurato e repellente.
    Nel frattempo mi auguro che le persone che, con il proprio nome e cognome reali, hanno assunto in questi giorni posizioni critiche verso il mio lavoro di documentazione intorno al “Villaggio della Solidarietà” prendano pubblicamente anche in questa sede le distanze dall’intervento del sig. “Pippo Franco”, al fine di isolare simili espressioni di una cultura mafiosa e scongiurare qualsiasi legittimo sospetto di connivenza o complicità con l’autore/autrice.
    Chiedo infine alle forze dell’ordine – che so avere un certo interesse per questo sito di documentazione civica – di essere vigili d’ora in avanti intorno a ciò che potrebbe succedere alla mia persona se, come credo probabile, verranno fatti circolare altri anonimi comunicati.

  2. Mi scusi sig. Venticinque, ma di quale cultura mafiosa parla, ora io non conosco bene la faccenda, ma de quel che leggo l’unica cosa che le rimprovera il sig. “Pippo Franco” e che lei ha diffuso false notizie, non mi pare che la stia minacciando. Comunque a parer mio ben vengano le discussioni su di una questione tanto poco trattata, conosco il fenomeno dell’immigrazione e credo che ad oggi si sia fatto ben poco per tutelare i migranti. Ad ogni modo le consigli di sporgere regolare denuncia presso la sede dei carabinieri vicina a lei se si sente minacciato.
    Buon Lavoro!

  3. Mase i Ridi colo, se ista totu ad iffonde refal se noti zie ed or a metti ingu ardia da test esso!
    Perchè no?! Almeno un pò di creatività di tipo diverso.

  4. Sig. Giardina, la cultura mafiosa per me comincia dal momento in cui, fuori dai giorni del Carnevale, si travisa la propria identità per non essere riconosciuti dagli altri nel compiere un’azione.

    Buon lavoro anche a lei, la saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...