Lo sviluppo dell’area artigianale di Mineo

L’Amministrazione del Comune di Mineo ha stabilito con la seguente delibera di giunta le modalità di assegnazione di spazi nell’area artigianale di C.da Fondacaccio per lo sviluppo di attività produttive.

 

 

Deliberazione della Giunta Municipale avente a oggetto:

ASSEGNAZIONE DI MODULI PER LA COSTRUZIONE DI EDIFICI E CAPANNONI A DESTINAZIONE ARTIGIANALE E/O COMMERCIALE NEL P.P. IN ZONA “D” DEL P.R.G. DEL COMUNE DI MINEO IN C.DA FONDACACCIO. APPROVAZIONE BANDI DI ASSEGNAZIONE – III INTERVENTO.

 

IL RESPONSABILE DELL’AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI E PER IL TERRITORIO

VISTO il “Regolamento per l’assegnazione e la cessione in proprietà di lotti per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale nel piano particolareggiato in zona “D” del piano regolatore generale del Comune di Mineo, in Contrada Fondacaccio”, approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007;

VISTO, in particolare l’art. 6 del citato regolamento a norma del quale la Giunta Comunale dà avvio al procedimento di acquisizione e cessione di lotti per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale nel piano particolareggiato in zona “D” del piano regolatore generale del Comune di Mineo, in Contrada Fondacaccio, stabilendo con propria deliberazione:

– la modalità di acquisizione;

– per quali aree comprese nel piano particolareggiato, o limitrofe, si debba procedere ad acquisizione;

– il numero di lotti e moduli da assegnare ai privati e il rispettivo perimetro;

– il numero e l’individuazione di lotti e/o moduli da assegnare a imprese già costituite e operanti;

– il numero e l’individuazione di lotti e/o moduli da assegnare a imprese da costituirsi per l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali;

– se consentire ai privati proprietari di aree, che esercitino attività artigianali o commerciali o che intendano avviare una nuova iniziativa imprenditoriale, la facoltà di riservarsi la proprietà dì lotti o moduli, a condizione che ne facciano domanda e assumano i medesimi obblighi dei privati assegnatari;

– eventuali limitazioni per la riserva di lotti o moduli a favore di privati proprietari, di cui al punto precedente;

– la quota percentuale di compartecipazione al costo delle opere di urbanizzazione già realizzate, in

corso di realizzazione ovvero da realizzare a servizio di lotti e moduli, che concorre alla formazione

del prezzo di cessione;

– il prezzo di cessione di lotti e moduli;

VISTA la deliberazione n. 170 del 06.09.2007 con la quale la Giunta Municipale ha stabilito:

  • di procedere all’acquisto a trattativa privata delle aree ivi individuate, per il successivo frazionamento e accorpamento particellare per la formazione dei lotti previsti nel piano o di moduli accorpati per la cessione in proprietà a privati assegnatari, secondo le valutazioni contenute nella relazione tecnica illustrativa e finanziaria di cui al piano particolareggiato, aggiornate e completate dalla stima redatta dal Responsabile dell’Area dei Servizi Tecnologici e per il Territorio dell’Ente in data 06/09/2007;
  • di non consentire a privati proprietari di aree la facoltà di riservarsi la proprietà di lotti o moduli;

dando atto che con successiva deliberazione si sarebbe provveduto a determinare:

– il numero di lotti e moduli da assegnare ai privati e il rispettivo perimetro;

– il numero e l’individuazione di lotti e/o moduli da assegnare a imprese già costituite e operanti;

– il numero e l’individuazione di lotti e/o moduli da assegnare a imprese da costituirsi per l’avvio di nuove

iniziative imprenditoriali;

– la quota percentuale di compartecipazione al costo delle opere di urbanizzazione già realizzate, in corso di realizzazione ovvero da realizzare a servizio di lotti e moduli, che concorre alla formazione del prezzo di cessione;

– il prezzo di cessione di lotti e moduli ai privati assegnatari;

 

VISTA la Deliberazione n. 73 del 03.04.2008 con la quale la Giunta Municipale, in esecuzione del citato Regolamento ha deliberato:

di articolare le superfici ricadenti del piano particolareggiato in zona “D” del piano regolatore generale del Comune di Mineo, in Contrada Fondacaccio in n. TRE lotti e n. QUATTRO moduli da assegnare e cedere a privati per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale, e precisamente:

  • modulo n. 1 — risultante dall’accorpamento dei lotti indicati con i nn. 1 e 2 nella planimetria allegata al Piano Particolareggiato;
  • modulo n. 2 — risultante dall’accorpamento dei lotti indicati con i nn. 3, 4, 5 e 6 nella planimetria allegata al Piano Particolareggiato;
  • modulo n. 3—risultante dall’accorpamento dei lotti indicati con i nn. 7 e 10 nella planimetria allegata al Piano Particolareggiato;
  • lotto n. 4 — corrispondente al lotto indicato con il n. 8 nella planimetria allegata al Piano Particolareggiato;
  • lotto n. 5 — corrispondente al lotto indicato con il n. 5 nella planimetria allegata al Piano Particolareggiato;
  • modulo n. 6 — risultante dall’accorpamento dei lotti indicati con i nn. 11 e 12 nella planimetria allegata al Piano Particolareggiato;
  • lotto n. 7— corrispondente al lotto indicato con il n. 18 nella planimetria allegata al Piano Particolareggiato; secondo la perimetrazione di cui alla planimetria allegata sotto la lettera “A”;

di destinare all’assegnazione e alla cessione a privati esercenti imprese già costituite e operanti il lotto n. 4 e i quattro moduli n. 1 – 2 – 3 e 6 di cui alla planimetria ivi allegata sotto la lettera “A”;

di destinare all’assegnazione e alla cessione a privati per la costituzione di imprese per l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali i due lotti n. 5 e 7 di cui alla planimetria ivi allegata sotto la lettera “A”;

di determinare il prezzo di cessione di lotti e moduli a privati assegnatari in euro quindici (euro 15,00) al metro quadrato;

di approvare per ciascun lotto o modulo, riservando la partecipazione alle sole imprese già costituite e operanti alla data di pubblicazione ovvero a imprese da costituirsi per l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali per l’insediamento di nuove attività produttive a carattere artigianale o commerciale, i distinti bandi pubblici allegati ivi sotto le lettere “B”, “C”, “D”, “E”, “F”, “G”, “H”;

CONSIDERATO che al completamento del procedimento di assegnazione di cui al citato regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 04.07.2007, la Giunta Municipale ha provveduto con Deliberazione n. 176 del 14.08.2008 all’approvazione delle graduatorie definitive per l’assegnazione e la cessione in proprietà di lotti e moduli nel piano particolareggiato in zona “D” del Piano Regolatore del Comune di Mineo in C.da Fondacaccio e all’assegnazione per la cessione in proprietà dei lotti contraddistinti con i nn. 5 e 7 e dei moduli contraddistinti con i nn. 2 e 6;

CONSIDERATO che a seguito dell’esperimento delle procedure di assegnazione non sono stati assegnati i moduli contraddistinti con i nn. 1 e 3 e il lotto contraddistinto con il n. 4, la Giunta Municipale, con Deliberazione n. 186 del 04.09.2008, ha provveduto all’approvazione di nuovi distinti bandi pubblici per l’assegnazione degli stessi;

CONSIDERATO che al completamento del procedimento di assegnazione di cui al citato regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 04.07.2007, la Giunta Municipale ha provveduto con Deliberazione n. 224 del 23.10.2008 all’approvazione delle graduatorie definitive per l’assegnazione di lotti e moduli nel piano particolareggiato in zona “D” del Piano Regolatore del Comune di Mineo in C.da Fondacaccio e all’assegnazione per la cessione in proprietà del lotto contraddistinto con il n. 4, essendo rimasti non assegnati i moduli contraddistinti con i nn. 1 e 3;

RITENUTO opportuno procedere alla pubblicazione di ulteriori bandi per l’assegnazione e la cessione in proprietà dei moduli contraddistinti con i numeri 1 e 3, rimasti non assegnati,

VISTO l’art. 9 comma 2 del ‘Regolamento per l’assegnazione e la cessione in proprietà di lotti per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale nel piano particolareggiato in zona “D” del piano regolatore generale del Comune di Mineo, in Contrada Fondacaccio”, approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007, in virtù del quale “In esecuzione del presente regolamento e della propria conseguente deliberazione di indirizzo la Giunta Comunale approva per ciascun lotto o modulo un distinto bando pubblico riservando la partecipazione alle sole imprese già costituite e operanti alla data di pubblicazione”

VISTI gli articoli del citato Regolamento:

Art. 8 – Condizioni soggettive per l’assegnazione di un lotto.

Art. 10 – Contenuto del Bando di assegnazione di lotti o moduli riservati a imprese già costituite e operanti.

Art. 15. Criteri per l’attribuzione dei punteggi e la formazione della graduatoria di assegnazione di lotti o moduli a imprese già costituite e operanti.

 

RITENUTO di volere consentire l’accesso alla procedura di assegnazione sia a imprese già costituite e operanti che a privati per la costituzione di imprese per l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali;

 

RITENUTO che la Giunta Municipale debba conseguentemente provvedere in merito;

PROPONE

di CONFERMARE l’articolazione dei moduli contraddistinti con i numeri 1 e 3 disposta con la Deliberazione della Giunta Municipale n. 73 del 03.04.2008 e graficamente rappresentata nella planimetria ivi allegata;

di CONFERMARE il prezzo di cessione di lotti e moduli a privati assegnatari in euro quindici (euro 15,00) al metro quadrato, secondo le risultanze della tabella allegata sotto la lettera “I” alla citata Deliberazione della giunta Municipale n. 73 del 03.04.2008;

di DESTINARE all’assegnazione e alla cessione a privati per la costituzione di imprese per l’avvio di nuove iniziativa imprenditoriali il modulo contraddistinto con il n. 1 nella planimetria allegata alla citata Deliberazione della Giunta Municipale n. 73 del 03.04.2008;

di DESTINARE all’assegnazione e alla cessione a privati esercenti imprese già costituite e operanti il lotto contraddistinto con il n. 3 nella planimetria allegata alla citata Deliberazione della Giunta Municipale n. 73 del 03.04.2008;

di APPROVARE per i moduli contraddistinti con i numeri 1 e 3 nella citata Deliberazione della Giunta Municipale n. 73 del 03.04.2008, i distinti bandi pubblici allegati sotto i numeri “1” e “2”, riservandone la partecipazione rispettivamente a privati per l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali e a imprese già costituite e operanti alla data di pubblicazione;

di DARE ATTO che il responsabile del procedimento di assegnazione e cessione in proprietà dei moduli è l’Arch. Marcello Zampino, in qualità di Responsabile dell’Area dei Servizi Tecnologici e per il Territorio del Comune di Mineo;

di DARE MANDATO al Responsabile dell’Area dei Servizi Tecnologici e per il Territorio di disporre la pubblicazione dei bandi.

di DICHIARARE la deliberazione immediatamente esecutiva, stante la necessità di avviare nel più breve tempo possibile il procedimento di assegnazione e cessione in proprietà dei moduli previsti.

 

 

(Allegato “1” alla Deliberazione della Giunta Municipale n. ____ del ___________)

BANDO DI ASSEGNAZIONE DEL MODULO N. 1 NEL PIANO PARTICOLAREGGIATO IN ZONA “D” DEL P.R.G. DEL COMUNE DI MINEO IN C.DA FONDACACCIO, DESTINATO A imprese DA COSTITUIRSI PER L’AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI per l’insediamento di nuove attività produttive A CARATTERE ARTIGIANALE O COMMERCIALE, PER LA COSTRUZIONE DI EDIFICI E CAPANNONI A DESTINAZIONE ARTIGIANALE E/O COMMERCIALE.

 

ART. 1. OGGETTO.

Il presente bando di assegnazione dà facoltà a imprese da costituirsi per l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali di concorrere all’assegnazione del modulo contraddistinto con il numero 1 nella planimetria allegata sotto la lettera “A”, per formarne parte integrante e sostanziale;

 

ART. 2. DESTINATARI.

La partecipazione al presente bando è riservata a:

– soggetti individuali che non abbiano compiuto i trentasei anni alla data di scadenza del bando e che non esercitino attività artigianale o commerciale;

– più soggetti che non abbiano compiuto i trentasei anni alla data di scadenza del bando e che non esercitino attività artigianale o commerciale e si obblighino a costituire una società di persone, cooperativa o di capitali, in caso risultino assegnatari di un lotto o modulo, dichiarando le quote di partecipazione di ciascuno al capitale sociale;

che presentino i requisiti di idoneità morale e di capacità tecnica richiesti per la partecipazione e l’eventuale assegnazione, infra specificati.

La partecipazione al bando di assegnazione è finalizzata all’insediamento di nuove unità locali per attività produttive a carattere artigianale o commerciale, di qualsiasi genere purché non nocive o inquinanti, e per depositi e magazzini per attività commerciali all’ingrosso.

Ciascun soggetto, anche se dovesse presentare domanda per la partecipazione a più bandi pubblicati in esecuzione della deliberazione della Giunta Municipale n. 73 del 03.04.2005, e risultare aggiudicatario di più moduli, dovrà esercitare la facoltà di scelta di cui al successivo articolo 8 e potrà pervenire alla stipula dell’atto di cessione per un unico modulo.

 

ART. 3. CARATTERISTICHE DEL LOTTO/MODULO.

Il modulo contraddistinto con il numero 1 nella planimetria allegata sotto la lettera “A” ha una superficie di 4.446,70 metri quadrati e presenta i seguenti indici e parametri edilizi di edificazione: indice di edificabilità massimo 2 mc/mq; rapporto di copertura massimo 40 % della superficie; altezza massima mt. 8,00; distanza dai confini mt 5,00; secondo le prescrizioni di cui al piano particolareggiato in zona “D” del p.r.g. del Comune di Mineo in C.da Fondacaccio.

 

ART. 4. PREZZO DI CESSIONE.

Il prezzo di cessione dei lotti o moduli ricompresi nella zona artigianale e commerciale prevista nel piano particolareggiato nella zona “D” del Piano Regolatore Generale del Comune in contrada “Fondacaccio”, per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale è stato stabilito con deliberazione della Giunta Comunale n. 73 del 03.04.2005 in euro 15,00 al metro quadrato e, pertanto, il prezzo di cessione del modulo contraddistinto con il numero 1, che presenta una estensione di mq. 4.446,70 è di euro 66.700,50;

 

ART. 5. REQUISITI DI IDONEITA’ MORALE.

Ai sensi dell’art. 18 del Regolamento approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007, ciascun soggetto interessato a presentare istanza per l’assegnazione in proprietà del lotto oggetto del presente bando deve dimostrare:

– che nei suoi confronti:

non è in corso alcun procedimento per l’applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all’art. 3 della legge 27 dicembre 1956 n. 1423, o di una delle cause ostative previste dall’art. 10 della legge 31 maggio 1965 n. 575;

non sono state pronunciate sentenze definitive di condanna passate in giudicato ovvero sentenze di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell’art. 444 del codice di procedura penale, per reati che incidono sulla moralità professionale;

– nel certificato generale del casellario giudiziale nulla risulta a suo carico;

– che nel certificato dei carichi pendenti presso la procura nulla risulta a suo carico.

 

Nel caso in cui la domanda di partecipazione al bando sia presentata da più che assumano l’obbligo di costituirsi in forma sociale in caso di assegnazione di un lotto o modulo, i requisiti di cui al presente articolo devono essere dimostrati nei confronti di ciascuno.

Tali requisiti, riferiti al soggetto individuale o ai soggetti riuniti, ai fini della partecipazione al bando, potranno essere provati mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, ferma restando la facoltà dell’Amministrazione Comunale di richiederne prova documentale.

 

ART. 6. REQUISITI DI CAPACITA’ TECNICA.

Ai sensi dell’art. 19 del Regolamento approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007, con riferimento alla relazione tecnico – finanziaria, illustrativa dell’attività da insediare e al programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan, di cui infra) prodotto, la dimostrazione di una adeguata capacità tecnica dei concorrenti, può essere fornita mediante l’elenco dei titoli di studio, professionali o di esperienza del soggetto che presenta l’iniziativa o dei soggetti che presentano l’iniziativa;

Tali requisiti, ai fini della partecipazione al bando, potranno essere provati mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, ferma restando la facoltà dell’Amministrazione Comunale di richiederne prova documentali in caso di assegnazione.

 

ART. 7. CRITERI PER L’ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI E LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA E VALUTAZIONE.

Ai sensi dell’art. 21 del Regolamento approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007, ai fini dell’inserimento nella graduatoria di assegnazione, ad ogni domanda sarà attribuito un punteggio, assegnato in relazione ai criteri sotto riportati.

Il punteggio sarà assegnato sulla base dei dati rinvenibili nella relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare e al programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine, con analisi di mercato e piano operativo finanziario preventivo (business plan), che il richiedente è tenuto a presentare unitamente alla domanda di assegnazione.

Il contenuto della relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare e del programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine, con analisi di mercato e piano operativo finanziario preventivo (business plan), ai fini dell’assegnazione del punteggio, è soggetto a valutazione di congruità anche in relazione ai requisiti di capacità tecnica dimostrati.

 

DESCRIZIONE DEI PARAMETRI

PUNTEGGIO MASSIMO
1 Impresa che avrà sede principale o unità operativa nel lotto o modulo assegnato MAX 30
Impresa che avrà sede principale e unità operativa nel lotto o modulo assegnato 15
Impresa cha avrà unità operativa nel lotto o modulo assegnato 10
I punteggi sono raddoppiati nel caso in cui il titolare della ditta individuale o almeno la metà dei soci siano residenti nel Comune di Mineo da almeno 5 anni alla data di pubblicazione del bando.
2 Attitudine all’espansione dell’impresa in relazione alle documentate capacità di sviluppo ed investimento. Max 25
il punteggio da assegnare sarà valutato caso per caso dalla Commissione
3 Capacità di sviluppo tecnologico e innovativo in ragione alla tipologia di lavorazione svolta. Max 20
il punteggio da assegnare sarà valutato caso per caso dalla Commissione
4 Iniziative che prevedono incrementi occupazionali a tempo indeterminato nel triennio dall’inizio attività. MAX 20
Incremento previsto maggiore di 10 unità 20
Incremento previsto compreso tra 5 e 10 unità 10
Incremento previsto compreso tra 3 e 5 6
Incremento previsto minore o uguale a 2 unità 2
4 bis Iniziative che prevedono incrementi occupazionali a tempo determinato di durata non inferiore a sei mesi, nel triennio dall’inizio attività. MAX 10
Incremento previsto maggiore di 10 unità 10
Incremento previsto compreso tra 5 e 10 unità 5
Incremento previsto compreso tra 3 e 5 3
Incremento previsto minore o uguale a 2 unità 1
5 Iniziative che siano in grado di determinare maggiore occupazione indiretta (indotto) locale. MAX 25
il punteggio da assegnare sarà valutato caso per caso dalla Commissione
6 Iniziative che prevedono investimenti tendenti a valorizzare risorse locali e attività di trasformazione dei prodotti del territorio MAX 25 

 

il punteggio da assegnare sarà valutato caso per caso dalla Commissione
7 Adozione di misure volte al risparmio energetico MAX 20
il punteggio da assegnare sarà valutato caso per caso dalla Commissione

 

ART. 8. PROCEDURE PER L’ASSEGNAZIONE DEL LOTTO/MODULO.

I soggetti destinatari del presente bando possono presentare apposita istanza di partecipazione per l’assegnazione del lotto oggetto del presente bando, redatta sul modello allegato sotto la lettera “B”, per formarne parte integrante e sostanziale.

Unitamente alla domanda di partecipazione i soggetti interessati dovranno presentare una relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare con un programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan) redatta sullo schema allegato al presente bando sotto la lettera “C”.

Le domande di partecipazione, indirizzate al Sindaco del Comune di Mineo, devono pervenire al protocollo generale del Comune entro le ore 12.00 del giorno ________________, a mezzo raccomandata A/R del servizio postale, corriere abilitato, ovvero consegnata direttamente.

Le domande dovranno essere contenute in un plico chiuso e controfirmato sui lembi di chiusura, recante all’esterno la dicitura “DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI ASSEGNAZIONE DEL MODULO N. 1 NEL PIANO PARTICOLAREGGIATO IN C.DA FONDACACCIO – MINEO”.

L’Amministrazione Comunale non assume alcuna responsabilità per eventuali ritardi del servizio postale.

Scaduto il termine per la presentazione, la Commissione di cui all’art. 22 del Regolamento si riunisce per l’esame e la valutazione delle domande.

La Commissione compie l’istruttoria delle domande pervenute eventualmente richiedendo integrazioni documentali e chiarimenti, procede all’attribuzione dei relativi punteggi e redige una graduatoria provvisoria.

In caso di parità, la Commissione procede mediante sorteggio pubblico, la cui data e sede devono essere comunicate preventivamente agli interessati con invito a presenziare.

Le risultanze della graduatoria provvisoria sono comunicate ai concorrenti e pubblicate per quindici giorni consecutivi all’Albo Pretorio del Comune.

Durante tale periodo di pubblicazione ed entro i successivi quindici giorni gli interessati possono presentare opposizione alla graduatoria in forma scritta.

Decorso tale periodo, entro i successivi quindici giorni, la Commissione esamina le opposizioni presentate, si pronuncia motivatamente sulle stesse e redige la graduatoria definitiva.

La graduatoria definitiva, con la contestuale assegnazione dei lotti o dei moduli, è approvata con deliberazione della Giunta Comunale.

Le risultanze della graduatoria definitiva sono comunicate ai concorrenti e pubblicate per quindici giorni consecutivi all’Albo Pretorio del Comune.

Entro 15 giorni dalla comunicazione dell’assegnazione definitiva il privato risultato assegnatario del lotto o modulo oggetto del presente bando può comunicare l’eventuale rinuncia al lotto assegnato.

Nel caso di rinuncia di cui al comma precedente, la Giunta Comunale procede all’attribuzione del lotto scorrendo l’ordine della graduatoria definitiva.

Nel medesimo termine il privato che fosse risultato aggiudicatario di più lotti e/o moduli in conseguenza della partecipazione a più bandi per l’assegnazione pubblicati in esecuzione della deliberazione della Giunta Municipale n. 73 del 03.04.2005, dovrà scegliere il solo lotto o modulo per il quale vorrà pervenire alla stipula dell’atto di cessione.

Il privato assegnatario che non abbia esercitato nel termine la facoltà di scelta decade dall’assegnazione.

In entrambi i casi la Giunta Comunale procede all’assegnazione dei lotti/moduli scorrendo l’ordine della graduatoria definitiva.

Entro 90 giorni dall’approvazione della graduatoria definitiva, l’Amministrazione Comunale stipula, con i singoli privati assegnatari, l’atto pubblico di cessione del lotto o modulo assegnato secondo le modalità e con il contenuto di cui all’art. 25 del Regolamento.

La mancata presentazione alla stipula dell’atto di cessione e la mancata sottoscrizione della convenzione, comporta ipso iure la decadenza dall’assegnazione.

La Giunta Comunale provvederà in tal caso con propria deliberazione all’assegnazione del lotto, scorrendo l’ordine della graduatoria definitiva.

 

ART. 10. SPECIFICI OBBLIGHI.

Con la sottoscrizione e la presentazione della domanda di partecipazione al bando il soggetto interessato all’assegnazione assume i seguenti specifici obblighi:

– obbligo di accettare di tutte le clausole e condizioni del presente bando;

– obbligo di sottoscrivere l’atto di cessione.

– obbligo di pagare il prezzo di cessione;

– obbligo di presentare la richiesta di concessione edilizia per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale per l’insediamento di attività commerciali e/o artigianali entro sei mesi dalla stipula dell’atto di cessione;

– obbligo di richiedere contestualmente alla richiesta di concessione edilizia, nulla osta agli Uffici del Genio Civile,ai sensi della legge n. 64/1974;

– obbligo di iniziare i lavori entro dodici mesi dal rilascio della concessione edilizia;

– obbligo di concludere i lavori entro trentasei mesi dall’inizio degli stessi;

– obbligo di avviare l’attività dell’insediamento produttivo realizzato entro dodici mesi dalla conclusione dei lavori, dandone contestuale comunicazione al Comune;

– obbligo di mantenere la medesima attività avviata per almeno cinque anni decorrenti dalla data di inizio attività;

ART. 11. VINCOLO DI INCEDIBILITA’.

Con la sottoscrizione e la presentazione della domanda di partecipazione al bando il soggetto interessato all’assegnazione prende atto dei seguenti specifici vincoli, obbligandosi a rispettarne il contenuto:

-il lotto/modulo, gli edifici e i capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale sullo stesso edificati sono soggetti a vincolo assoluto di incedibilità per un periodo di dieci anni a decorrere dalla data di stipula dell’atto di cessione del lotto o modulo;

-per lo stesso termine i lotti e gli edifici sugli stessi realizzati non potranno essere ceduti in comodato, o in locazione e, comunque non potrà esserne ceduta in alcun modo la facoltà di sfruttamento e utilizzazione.

 

ART. 12. CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA DEL CONTRATTO DI CESSIONE DI LOTTO O MODULO AL PRIVATO ASSEGNATARIO.

L’atto di cessione del lotto/modulo si intende espressamente risolto (art.1456 c.c.) quando il Comune di Mineo abbia dichiarato nei confronti del privato che sarà risultato assegnatario a seguito del presente bando, che intende valersi della presente clausola risolutiva espressa, nei seguenti casi:

a) qualora non vengano rispettati i termini iniziali e finali previsti dal regolamento per la presentazione della domanda di concessione edilizia e per realizzazione degli edifici e che il soggetto interessato si è obbligato a rispettare;

b) in caso di trasferimento non autorizzato degli edifici realizzati o parte di essi in proprietà, comodato, locazione o altro nei 10 anni successivi alla cessione in proprietà al privato assegnatario, salvo il diritto del Comune al risarcimento del danno;

c) in caso di lavori e destinazioni d’uso in difformità sostanziale dalla concessione edilizia o in mancanza della stessa.

Nel caso di risoluzione del contratto di cessione la proprietà del lotto o modulo assegnato tornerà di pieno diritto nella disponibilità del Comune di Mineo; il prezzo di cessione verrà restituito all’assegnatario inadempiente con una trattenuta del 30 % a titolo penale.

Le eventuali opere realizzate nell’area assegnata passano gratuitamente in proprietà dell’Amministrazione Comunale. Resta ferma tuttavia la facoltà per l’Amministrazione Comunale di imporre l’abbattimento delle opere stesse, senza indennità di sorta e a spese dell’assegnatario inadempiente.

 

Per tutto quanto non specificato nel presente bando si fa riferimento al Regolamento per l’assegnazione e la cessione in proprietà di lotti per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale nel piano particolareggiato in zona “D” del Piano Regolatore Generale del Comune di Mineo, in Contrada “Fondacaccio”, approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007.

 

Responsabile del procedimento di assegnazione e cessione in proprietà dei lotti/moduli è l’Arch. Marcello Zampino, in qualità di Responsabile dell’Area dei Servizi Tecnologici e per il Territorio del Comune di Mineo;

 

Documenti allegati:

  1. planimetria piano particolareggiato;
  2. modello di domanda di partecipazione;
  3. schema di relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare e del programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan);

 

 

Il Responsabile dell’Area dei Servizi Tecnologici e per il Territorio

 

(Allegato “B” al bando di assegnazione del MODULO 1)

 

 

AL SINDACO

DEL COMUNE DI MINEO

C/O Residenza Municipale

Piazza Buglio n. 40

95044 – MINEO

 

 

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI ASSEGNAZIONE DEL MODULO N. 1 NEL PIANO PARTICOLAREGGIATO IN ZONA “D” DEL P.R.G. DEL COMUNE DI MINEO IN C.DA FONDACACCIO, DESTINATO A imprese DA COSTITUIRSI PER LA COSTRUZIONE DI EDIFICI E CAPANNONI A DESTINAZIONE ARTIGIANALE E/O COMMERCIALE PER L’AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI per l’insediamento di nuove attività produttive A CARATTERE ARTIGIANALE O COMMERCIALE.

 

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________, non esercitando attività artigianale o commerciale;

 

ovvero:

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

 

(AGGIUNGERE SE OCCORRE)

 

più soggetti che non esercitando attività artigianale o commerciale, si obbligano a costituire una società di persone, cooperativa o di capitali, in caso risultino assegnatari di un lotto/modulo e a tal fine dichiarano di volere assumere le seguenti quote di partecipazione nella costituenda forma associativa:

 

(AGGIUNGERE SE OCCORRE)

 

propone/propongono domanda per la partecipazione al bando in oggetto per l’assegnazione e la cessione in proprietà del modulo n. 1 per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale nel piano particolareggiato in zona “D” del piano regolatore generale del Comune di Mineo, in Contrada Fondacaccio”, approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. _____ del ____________, riservato a imprese da costituirsi per l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali per l’insediamento di nuove attività produttive a carattere artigianale o commerciale.

 

dichiara/dichiarano:

  • di avere preso visione del “Regolamento per l’assegnazione e la cessione in proprietà di lotti per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale nel piano particolareggiato in zona “D” del piano regolatore generale del Comune di Mineo, in Contrada Fondacaccio”, approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007;
  • di avere preso visione del bando di assegnazione approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. ___ del _____________e di conoscerlo in ogni sua parte di accettarne ogni clausola e condizione, senza eccezioni o riserve.
  • di assumere, per il caso di assegnazione, gli obblighi di cui alle condizioni di assegnazione del lotto o modulo previste dal regolamento e dal bando di assegnazione;

e, in particolare, per il caso di assegnazione:

  • di assumere l’obbligo di sottoscrivere l’atto di cessione e di pagare il prezzo di cessione;
  • di assumere l’obbligo di presentare la richiesta di concessione edilizia per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale per l’insediamento di attività commerciali e/o artigianali entro sei mesi dalla stipula dell’atto di cessione;
  • di assumere l’obbligo di richiedere contestualmente alla richiesta di concessione edilizia, nulla osta agli Uffici del Genio Civile,ai sensi della legge n. 64/1974;
  • di assumere l‘obbligo di iniziare i lavori entro dodici mesi dal rilascio della concessione edilizia;
  • di assumere l’obbligo di concludere i lavori entro trentasei mesi dall’inizio degli stessi;
  • di assumere l’obbligo di avviare l’attività dell’insediamento produttivo realizzato entro dodici mesi dalla conclusione dei lavori, dandone contestuale comunicazione al Comune;
  • di assumere l’obbligo di mantenere la medesima attività avviata per almeno cinque anni decorrenti dalla data di inizio attività;
  • di obbligarsi al rispetto del procedimento di assegnazione previsto dal citato Regolamento;
  • di assumere gli obblighi relativi ai casi di rinuncia, vincoli e risoluzione della vendita previsti nel bando e nel Regolamento.

Dichiara, in particolare, di ben conoscere e accettare gli articoli 27 “Vincoli” e 29 “Risoluzione della vendita”, del Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 04.07.2007.

Si allegano alla presente:

fotocopia di documento di identità in corso di validità del richiedente o dei richiedenti;

elementi dimostrativi del possesso dei requisiti di idoneità morale di cui all’art. 5 del bando (dichiarazione sostitutiva);

elementi dimostrativi del possesso dei requisiti di capacità tecnica di cui all’art. 6 del bando (dichiarazione sostitutiva);

relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare contenente un programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan) redatta sullo schema allegato al bando di assegnazione;

 

Luogo e data.

Sottoscrizione del legale rappresentante o dei legali rappresentanti.

 

 

 

(Allegato “C” al bando di assegnazione del modulo n. 1)

 

 

BANDO DI ASSEGNAZIONE DEL MODULO 1 DESTINATO A imprese DA COSTITUIRSI PER L’AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI per l’insediamento di nuove attività produttive A CARATTERE ARTIGIANALE O COMMERCIALE NEL PIANO PARTICOLAREGIATO IN ZONA “D” DEL P.R.G. DEL COMUNE DI MINEO IN C.DA FONDACACCIORELAZIONE TECNICO – FINANZIARIA ILLUSTRATIVA DELL’ATTIVITA’ DA INSEDIARE E DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO AZIENDALE DI BREVE E MEDIO TERMINE (BUSINESS PLAN).

 

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________, non esercitando attività artigianale o commerciale;

 

ovvero:

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

 

(AGGIUNGERE SE OCCORRE)

 

più soggetti che non esercitando attività artigianale o commerciale, si obbligano a costituire una società di persone, cooperativa o di capitali, in caso risultino assegnatari di un lotto e a tal fine dichiarano di volere assumere le seguenti quote di partecipazione nella costituenda forma associativa:

 

(AGGIUNGERE SE OCCORRE)

 

presenta/presentano, in relazione al bando di assegnazione in oggetto, la seguente relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare e del programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan)

 

Lo schema contiene un’indicazione del contenuto minimo del business plan. Possono comunque essere fornite ulteriori informazioni che si ritengano utili ai fini della valutazione della proposta imprenditoriale.

Gli spazi riportati sono solo indicativi e ne possono essere aggiunti a scelta del proponente.

Su richiesta, lo schema del presente business plan può essere fornita su supporto informatico.

 

 

TITOLO DEL PROGETTO/INIZIATIVA: ______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

L’IMPRESA FUTURA.

  • Mission aziendale: (indicare gli obiettivi strategici dell’impresa da costituirsi)

 

 

 

  • Forma giuridica – motivazioni della scelta: (indicare la forma giuridica (individuale o sociale) in cui si svolgerà l’attività e le motivazione della scelta operata)

 

 

 

  • L’imprenditore individuale – i soci – residenza: (per il singolo imprenditore individuale o per i soci di società di persone o di capitali da costituirsi, indicare le generalità e l’eventuale decorrenza della residenza a Mineo.

 

 

 

  • Oggetto sociale o dell’attività: indicare l’oggetto dell’attività dell’impresa da costituirsi)

 

 

 

  • Organizzazione aziendale:
    • Risorse umane: (indicare le risorse umane che si presume saranno impiegate nell’impresa da costituirsi, distinte per profilo professionale con l’indicazione del tipo di contratto di lavoro (eventualmente allegare organigramma);

 

 

 

    • struttura e management: (descrivere il metodo organizzativo che si intende utilizzare in azienda, indicando il ruolo di ogni figura professionale e le previste funzioni aziendali)

 

 

 

  • Strategie commerciali: (indicare sinteticamente le strategie dell’impresa da costituirsi relativamente a prodotto, prezzo, commercializzazione e promozione, in relazione all’attività che si propone di svolgere)

 

 

 

 

SINTESI DESCRITTIVA DELL’INIZIATIVA

  • Situazione economica/sociale generale del territorio di insediamento:

 

 

 

  • Business idea.
    • Presentazione dell’idea: (descrivere l’idea che l’impresa si prefigge di realizzare e le motivazioni della scelta)

 

 

 

  • Descrizione dell’attività che si intende svolgere.

 

 

 

    • Processo di produzione/erogazione: (descrizione)

 

 

 

  • Mercato di riferimento:
    • Area geografica di riferimento: (indicazione e descrizione sommaria)

 

 

 

    • Tipologia di clienti: (indicare le tipologie di potenziali clienti e il numero in relazione all’area geografica di intervento)

 

 

 

    • Punti di forza e di debolezza dell’iniziativa proposta: (Elencare i punti di forza e di debolezza dell’iniziativa da intraprendere indicandone i motivi e il modo in cui possono favorire o ostacolare il successo dell’iniziativa)

 

 

 

    • I concorrenti, attuali e potenziali: (analizzare la struttura e le caratteristiche della concorrenza nell’area geografica di riferimento, indicando gli aspetti che possono influire sul successo dell’iniziativa)

 

 

 

    • Minacce e opportunità: (Descrivere i fattori che possono pregiudicare o favorire il successo dell’iniziativa, indicandone i motivi)

 

 

 

  • Scelte strategiche:
    • Descrizione del prodotto/servizio da offrire: (indicare i prodotti/servizi che l’impresa intende offrire in relazione alle potenziali tipologie di clienti)

 

 

 

    • Canali distributivi del prodotto/servizio offerto: (indicare i canali distributivi diretti e indiretti previsti per la commercializzazione del prodotto)

 

 

 

    • Scelte promozionali: (indicare le attività da avviare per fare conoscere l’iniziativa)

 

 

 

    • Obiettivi di vendita: (stimare la quantità di prodotto/servizio che si pensa di vendere sul mercato nel corso dei primi tre anni di attività)
PRIMO ANNO 

Prodotti/servizi

Unità di misura Prezzo unitario 

(a)

Primo anno di attività
quantità vendute fatturato realizzato
(b) (a x b)
1
2
3
Totale

 

SECONDO ANNO 

Prodotti/servizi

Unità di misura Prezzo unitario 

(a)

secondo anno di attività
quantità vendute fatturato realizzato
(b) (a x b)
1
2
3
Totale

 

TERZO ANNO 

Prodotti/servizi

Unità di misura Prezzo unitario 

(a)

terzo di attività
quantità vendute fatturato realizzato
(b) (a x b)
1
2
3
Totale

 

PIANO OPERATIVO.

  • Processo di produzione/erogazione: (Descrivere il processo da seguire per la produzione/erogazione dei prodotti/servizi, suddividendolo – se possibile – in fasi. )

 

 

 

  • Localizzazione sede principale: (motivazioni della scelta)

 

 

 

  • Localizzazione unità produttiva: (motivazioni della scelta)

 

 

 

  • Iniziative che prevedono incrementi occupazionali a tempo indeterminato nel triennio dall’inizio attività: (numero previsionale unità)

 

 

 

  • Iniziative che prevedono incrementi occupazionali a tempo determinato di durata non inferiore a sei mesi, nel triennio dall’inizio attività: (numero previsionale unità)

 

 

 

  • Iniziative che siano in grado di determinare maggiore occupazione indiretta (indotto) locale: (descrizione – dimostrazione)

 

 

 

  • Iniziative che prevedono investimenti tendenti a valorizzare risorse locali e attività di trasformazione di prodotti del territorio: (descrizione – dimostrazione)

 

 

 

  • Capacità di sviluppo tecnologico innovativo in ragione alla tipologia di lavorazione svolta: (descrizione – dimostrazione)

 

 

 

PIANO DEGLI INVESTIMENTI

  • Piano degli investimenti: (illustrare il piano degli investimenti necessari per l’avvio e la gestione dell’iniziativa, dimensionato alla tipologia e alla quantità dei prodotti/servizi da realizzare o erogare)

 

 

 

  • Prospetto degli investimenti: (indicare i beni necessari per l’avvio e la gestione dell’iniziativa, indicandone la quantità e i costi)
quantità descrizione dei beni di investimento Importo investimenti totali 

(IVA esclusa)

a) Attrezzature, macchinari, impianti e allacciamenti
Totale
b) Beni immateriali ad utilità pluriennale
Totale
c) edificazione di capannone
Totale
TOTALE GENERALE (A+B+C)

 

PIANO ORGANIZZATIVO

  • Costi generali di struttura: (descrivere e indicare per i primi tre anni di attività, i costi generali necessari per l’avvio dell’iniziativa)

 

 

  • Costi delle risorse umane: (indicare le risorse da utilizzare per l’iniziativa e le relativa mansioni)
Mansioni Costo unitario 

(euro)

(a)

Costo totale  

primo anno di attività

Qualifiche N . risorse (b) Costo (axb)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Totale per anno
Mansioni Costo unitario 

(euro)

(a)

Costo totale  

secondo anno di attività

Qualifiche N . risorse (b) Costo (axb)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Totale per anno
Mansioni Costo unitario 

(euro)

(a)

Costo totale  

terzo anno di attività

Qualifiche N . risorse (b) Costo (axb)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Totale per anno

 

 

PREVISIONI ECONOMICO FINANZIARIE.

  • Previsioni economiche: (elaborare previsioni economiche per i primi tre anni di attività)

 

 

 

Stato patrimoniale previsionale:

STATO PATRIMONIALE Primo anno Secondo anno Terzo anno
Immobilizzazioni tecniche
Immobilizzazioni non materiali
Fondi di ammortamento (-)
IMMOBILIZZAZIONI NETTE (A)
Rimanenze
Crediti commerciali
Altre attività a breve
Cassa e liquidità
CAPITALE CIRCOLANTE (B)
TOTALE ATTIVO (A+B)
Capitale sociale
Riserve di utili
CAPITALE NETTO (C )
Debiti finanziari a M/L
Debiti finanziari a breve
Debiti verso fornitori
Altre passività
TOTALE PASSIVITA’ (D)
PASSIVITA’ E Capitale Netto (C+D)

 

Conto Economico previsionale:

CONTO ECONOMICO Primo anno Secondo anno Terzo anno
RICAVI DA VENDITE (A)
Costo dei materiali
Costo del lavoro
Acquisti di beni e servizi da terzi
Ammortamenti
Ammortamenti di produzione
COSTO DEL VENDUTO (B)
MARGINE LORDO (C=A-B)
Costi commerciali
Costi Generali e Amministrativi
Costi di Ricerca e Sviluppo
Ammortamenti non di produzione
Altri costi
COSTI DI PERIODO (D)
COSTI OPERATIVI
RISULTATO OPERATIVO (E=C-D)
Interessi passivi
REDDITO ANTE IMPOSTE (F)
Imposte
REDDITO NETTO (G)

 

 

 

 

ATTITUDINE ALL’ESPANSIONE DELL’IMPRESA.

Attitudine all’espansione dell’impresa in relazione alle documentate capacità di sviluppo ed investimento: (dimostrazione)

 

 

 

Luogo e data

Sottoscrizione del legale rappresentante o dei legali rappresentanti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Allegato “2” alla Deliberazione della Giunta Municipale n. ____ del ___________

BANDO DI ASSEGNAZIONE DEL MODULO N. 3 NEL PIANO PARTICOLAREGGIATO IN ZONA “D” DEL P.R.G. DEL COMUNE DI MINEO IN C.DA FONDACACCIO, DESTINATO A imprese GIA’ COSTITUITE E OPERANTI PER LA COSTRUZIONE DI EDIFICI E CAPANNONI A DESTINAZIONE ARTIGIANALE E/O COMMERCIALE, per l’ampliamento o l’insediamento di nuove unità locali per attività produttive A CARATTERE ARTIGIANALE O COMMERCIALE.

 

ART. 1. OGGETTO.

Il presente bando di assegnazione dà facoltà a imprese già costituite e operanti di concorrere all’assegnazione del modulo contraddistinto con il numero 3 nella planimetria allegata sotto la lettera “A”, per formarne parte integrante e sostanziale;

 

ART. 2. DESTINATARI.

La partecipazione al presente bando è riservata a:

– imprese già in qualsiasi forma, individuale o sociale, costituite e operanti alla data di scadenza del bando;

– pluralità di soggetti, individuali o societari, titolari di impresa già costituita e operante alla data di scadenza del bando che, all’atto della presentazione della domanda di partecipazione al presente bando di assegnazione, assumano specifica obbligazione di costituirsi in forma sociale, nel caso in cui dovessero risultare assegnatari del lotto/modulo, per l’ampliamento o l’impianto di un’attività produttiva a carattere artigianale o commerciale;

che presentino i requisiti di idoneità morale e di capacità economico – finanziaria e tecnica richiesti per la partecipazione e l’eventuale assegnazione, infra specificati.

Ciascun soggetto, anche se dovesse presentare domanda per la partecipazione a più bandi pubblicati in esecuzione della deliberazione della Giunta Municipale n. 73 del 03.04.2008, e risultare aggiudicatario di più lotti/moduli, dovrà esercitare la facoltà di scelta di cui al successivo articolo 8 e potrà pervenire alla stipula dell’atto di cessione per un unico lotto/modulo.

 

ART. 3. CARATTERISTICHE DEL LOTTO/MODULO.

Il modulo contraddistinto graficamente con il n. 3 nella planimetria allegata sotto la lettera “A” ha una superficie di 3.041,04 metri quadrati e presenta i seguenti indici e parametri edilizi di edificazione: indice di edificabilità massimo 2 mc/mq; rapporto di copertura massimo 40 % della superficie; altezza massima mt. 8,00; distanza dai confini mt 5,00; secondo le prescrizioni di cui al piano particolareggiato in zona “D” del p.r.g. del Comune di Mineo in C.da Fondacaccio.

 

ART. 4. PREZZO DI CESSIONE.

Il prezzo di cessione dei lotti o moduli ricompresi nella zona artigianale e commerciale prevista nel piano particolareggiato nella zona “D” del Piano Regolatore Generale del Comune in contrada “Fondacaccio”, per “la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale è stato stabilito con deliberazione della Giunta Comunale n. 73 del 03.04.2008 in euro quindici (euro 15,00) al metro quadrato e, pertanto, il prezzo di cessione del modulo n. 3, che presenta una estensione di mq. 3.041,04 è di euro 45.615,60.

 

ART. 5. REQUISITI DI IDONEITA’ MORALE.

Ai sensi dell’art. 11 del Regolamento approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007, ciascun soggetto interessato a presentare istanza per l’assegnazione in proprietà del lotto/modulo oggetto del presente bando deve dimostrare:

– che nei confronti dell’imprenditore individuale ovvero del legale rappresentante di società, ovvero nei confronti di tutti gli amministratori muniti di potere di rappresentanza e nei confronti di tutti i soci di s.n.c. o di tutti i soci accomandatari di s.a.s.:

non è in corso alcun procedimento per l’applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all’art. 3 della legge 27 dicembre 1956 n. 1423, o di una delle cause ostative previste dall’art. 10 della legge 31 maggio 1965 n. 575;

non sono state pronunciate sentenze definitive di condanna passate in giudicato ovvero sentenze di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell’art. 444 del codice di procedura penale, per reati che incidono sulla moralità professionale;

– che a carico proprio, dell’impresa o della società:

non sussistono violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di contribuzione sociale secondo la legislazione italiana;

non sussistono irregolarità, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse secondo la legislazione italiana;

– che a carico dell’impresa:

non sussistono violazioni gravi, definitivamente accertate, attinenti l’osservanza delle norme poste a tutela della prevenzione e della sicurezza sui luoghi di lavoro;

non sussistono false dichiarazioni circa il possesso dei requisiti richiesti per l’ammissione agli appalti o per il conseguimento di eventuale attestazione di qualificazione.

– che l’impresa:

non ha violato il divieto di intestazione fiduciaria posto dall’art. 17 della legge 19 marzo 1990 n. 55;

non si trova nelle condizioni di incapacità di contrattare con la Pubblica Amministrazione, di cui agli artt.120 e segg. della Legge 24/11/1981 n.689;

nulla osta ai fini dell’art. 10 della legge 31 maggio 1965 n. 575 e successive modificazioni;

– che nel certificato generale del casellario giudiziale nulla risulta a carico del titolare dell’impresa individuale, di tutti i soci di società in nome collettivo, di tutti i soci accomandatari di società in accomandita semplice o dei legali rappresentanti e amministratori di società di capitali, cooperative e consorzi;

– che nel certificato dei carichi pendenti presso la Procura competente nulla risulta a carico del titolare dell’impresa individuale, di tutti i soci di società in nome collettivo, di tutti i soci accomandatari di società in accomandita semplice o dei legali rappresentanti e amministratori di società di capitali, società cooperative e consorzi;

Tali requisiti, ai fini della partecipazione al bando, potranno essere provati mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, ferma restando la facoltà dell’Amministrazione Comunale di richiederne prova documentale.

In caso di partecipazione alla procedura di più imprese associate o di consorzio, i documenti, le certificazioni e le dichiarazioni richieste dovranno essere prodotte con riferimento a ciascuna impresa.

 

ART. 6. REQUISITI DI CAPACITA’ TECNICA.

Ai sensi dell’art. 12 del Regolamento approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007, con riferimento alla relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare e al programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan) da allegare alla domanda di partecipazione al bando, la dimostrazione di una adeguata capacità tecnica dei concorrenti, può essere fornita mediante:

1. iscrizione al registro delle imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato, per attività di impresa inerenti l’oggetto dell’attività che si intende esercitare;

2. l’elenco delle principali forniture o dei principali servizi o lavori eseguiti negli ultimi tre anni con l’indicazione degli importi, delle date e dei destinatari, pubblici o privati;

3. l’elenco dei titoli di studio e professionali dei prestatori di servizi e/o dei dirigenti dell’impresa e, in particolare, dei soggetti concretamente responsabili;

4. l’indicazione dei tecnici e degli organi tecnici dell’azienda;

5. l’indicazione del numero medio annuo di dipendenti e il numero di dirigenti impiegati, negli ultimi tre anni;

6. la descrizione delle attrezzature tecniche, dei materiali, degli strumenti, compresi quelli di studio e di ricerca, utilizzati per lo svolgimento delle attività aziendali e delle misure adottate per garantire la qualità;

7. ogni altro elemento utile ai fini della valutazione;

Tali elementi, ai fini della partecipazione al bando, potranno essere provati mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, ferma restando la facoltà dell’Amministrazione Comunale di richiederne prova documentale.

In caso di partecipazione alla procedura di più imprese associate o di consorzio, i documenti, le certificazioni e le dichiarazioni richieste dovranno essere prodotte con riferimento a ciascuna impresa.

 

ART. 7. REQUISITI DI CAPACITA’ ECONOMICO – FINANZIARIA.

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007, con riferimento alla relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare e al programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan) prodotto, la dimostrazione di una adeguata capacità economico – finanziaria dei concorrenti, può essere fornita mediante:

1. dimostrazione che l’impresa non si trova in stato di fallimento, di liquidazione o di cessazione dell’attività;

2. dimostrazione che l’impresa non è oggetto di procedure di fallimento, di concordato preventivo, di amministrazione controllata e di amministrazione straordinaria;

3. copia dei bilanci consuntivi degli ultimi tre anni, compresi gli allegati e copia del modello UNICO e della dichiarazione IVA relativi agli ultimi tre esercizi con allegate dichiarazioni di trasmissione all’agenzia delle entrate;

4. ogni altro elemento utile ai fini della valutazione;

In caso di partecipazione alla procedura di più imprese associate o di consorzio, i documenti, le certificazioni e le dichiarazioni richieste dovranno essere prodotte da tutte le imprese.

Gli elementi di cui ai numeri 1 e 2 del presente articolo, ai fini della partecipazione al bando, potranno essere provati mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, ferma restando la facoltà dell’Amministrazione Comunale di richiederne prova documentale.

 

ART. 8. CRITERI PER L’ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI E LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA E VALUTAZIONE.

Ai sensi dell’art. 15 del Regolamento approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007, ai fini dell’inserimento nella graduatoria di assegnazione, ad ogni domanda sarà attribuito un punteggio, assegnato in relazione ai criteri sotto riportati.

Il punteggio sarà assegnato sulla base dei dati rinvenibili nella relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare e al programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan) che il richiedente è tenuto a presentare unitamente alla domanda di assegnazione.

Il contenuto della relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare e del programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan), ai fini dell’assegnazione del punteggio è soggetto a valutazione di congruità in relazione alla dimostrazione dei requisiti di capacità morale, tecnica ed economico – finanziaria dell’impresa partecipante.

DESCRIZIONE DEI CRITERI

PUNTEGGIO MASSIMO
1 Impresa in attività con sede principale o unità operativa nel territorio del Comune di Mineo. MAX 30
A Impresa con sede principale e unità operativa nel territorio del Comune di Mineo 15
B Impresa con unità operativa nel territorio del Comune di Mineo 10
C Impresa con sede principale o unità operativa nei Comuni limitrofi 6
D Impresa con sede principale o unità operativa nella provincia di Catania 4
E Impresa con sede principale o unità operativa fuori provincia di Catania 2
I punteggi sono raddoppiati nel caso in cui il titolare della ditta individuale o almeno la metà dei soci di società di persone, di capitale, cooperative o consorzi, siano residenti nel Comune di Mineo da almeno 5 anni alla data di pubblicazione del bando di assegnazione.
2 Attitudine all’espansione dell’impresa in relazione alle documentate capacità economiche di sviluppo ed investimento, dimostrate attraverso il business plan e i bilanci almeno degli ultimi tre esercizi. MAX 25
Valutabile in relazione ai seguenti elementi:  

  1. Volume d’affari nel triennio (rigo E20 mod. UNICO);
  2. Numero medio dei dipendenti nel triennio;
  3. Investimenti negli ultimi tre anni;
  4. Indebitamento bancario e leasing per investimenti negli ultimi tre anni;
il punteggio da assegnare sarà valutato caso per caso dalla Commissione
3 Capacità di sviluppo tecnologico innovativo in ragione alla tipologia di lavorazione svolta MAX 20
il punteggio da assegnare sarà valutato caso per caso dalla Commissione
4 Rilocalizzazione di attività produttive in atto in zone di P.R.G.. MAX 26
4/a Attività produttiva in zona omogenea A (residenziale in centro storico) 10
  1. In locali gravati da provvedimento di sfratto esecutivo non causato da morosità
2
  1. In locali non di proprietà
2
  1. con lavorazioni insalubri o di rischio ambientale
2
  1. con problemi di viabilità
2
4/b Attività produttiva in zona omogenea B (residenziale) 5
  1. In locali gravati da provvedimento di sfratto esecutivo non causato da morosità
2
  1. In locali non di proprietà
2
  1. con lavorazioni insalubri o di rischio ambientale
2
  1. con problemi di viabilità
2
4/c Attività produttiva in zona omogenea C (residenziale) 5
  1. In locali gravati da provvedimento di sfratto esecutivo non causato da morosità
2
  1. In locali non di proprietà
2
  1. con lavorazioni insalubri o di rischio ambientale
2
  1. con problemi di viabilità
2
4/d Attività produttiva in zona omogenea E (agricola) 5
  1. In locali gravati da provvedimento di sfratto esecutivo non causato da morosità
2
  1. In locali non di proprietà
2
  1. con lavorazioni insalubri o di rischio ambientale
2
  1. con problemi di viabilità
2
I punteggi di cui ai numeri 1), 2), 3) e 4) del criterio n. 4, sono raddoppiati nel caso in cui il titolare della ditta individuale o almeno la metà dei soci di società di persone, di capitale, cooperative o consorzi, siano residenti nel Comune di Mineo da almeno 5 anni alla data di pubblicazione del bando di assegnazione.
5 Iniziative che prevedono incrementi occupazionali a tempo indeterminato nel triennio dall’inizio attività. MAX 20
Incremento previsto maggiore di 10 unità 20
Incremento previsto compreso tra 5 e 10 unità 10
Incremento previsto compreso tra 3 e 5 6
Incremento previsto minore o uguale a 2 unità 2
5 bis Iniziative che prevedono incrementi occupazionali a tempo determinato di durata non inferiore a sei mesi, nel triennio dall’inizio attività. MAX 10
Incremento previsto maggiore di 10 unità 10
Incremento previsto compreso tra 5 e 10 unità 5
Incremento previsto compreso tra 3 e 5 3
Incremento previsto minore o uguale a 2 unità 1
6 Iniziative che siano in grado di determinare maggiore occupazione indiretta (indotto) locale MAX 20
il punteggio da assegnare sarà valutato caso per caso dalla Commissione
7 Iniziative che prevedono investimenti tendenti a valorizzare risorse locali e attività di trasformazione di prodotti del territorio MAX 20
il punteggio da assegnare sarà valutato caso per caso dalla Commissione
8 Adozione di misure volte al risparmio energetico MAX 20
il punteggio da assegnare sarà valutato caso per caso dalla Commissione

 

ART. 9. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE – PROCEDURE PER L’ASSEGNAZIONE DEL LOTTO/MODULO.

I soggetti destinatari del presente bando possono presentare apposita istanza di partecipazione per l’assegnazione del lotto/modulo oggetto del presente bando, redatta sul modello allegato sotto la lettera “B”, per formarne parte integrante e sostanziale.

Unitamente alla domanda di partecipazione i soggetti interessati dovranno presentare una relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare con un programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan) redatta sullo schema allegato al presente bando sotto la lettera “C”.

Le domande di partecipazione, indirizzate al Sindaco del Comune di Mineo, devono pervenire al protocollo generale del Comune entro le ore 12.00 del giorno __________________, a mezzo raccomandata A/R del servizio postale, corriere abilitato, ovvero consegnata direttamente.

Le domande dovranno essere contenute in un plico chiuso e controfirmato sui lembi di chiusura, recante all’esterno la dicitura “DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI ASSEGNAZIONE DEL MODULO N. 3 NEL PIANO PARTICOLAREGGIATO IN C.DA FONDACACCIO – MINEO”.

L’Amministrazione Comunale non assume alcuna responsabilità per eventuali ritardi del servizio postale.

Scaduto il termine per la presentazione, la Commissione di cui all’art. 22 del Regolamento si riunisce per l’esame e la valutazione delle domande.

La Commissione compie l’istruttoria delle domande pervenute eventualmente richiedendo integrazioni documentali e chiarimenti, procede all’attribuzione dei relativi punteggi e redige una graduatoria provvisoria.

In caso di parità, la Commissione procede mediante sorteggio pubblico, la cui data e sede devono essere comunicate preventivamente agli interessati con invito a presenziare.

Le risultanze della graduatoria provvisoria sono comunicate ai concorrenti e pubblicate per quindici giorni consecutivi all’Albo Pretorio del Comune.

Durante tale periodo di pubblicazione ed entro i successivi quindici giorni gli interessati possono presentare alla Commissione opposizione alla graduatoria in forma scritta.

Decorso tale periodo, entro i successivi quindici giorni, la Commissione esamina le opposizioni presentate, si pronuncia motivatamente sulle stesse e redige la graduatoria definitiva.

La graduatoria definitiva, con la contestuale assegnazione dei lotti o dei moduli, è approvata con deliberazione della Giunta Comunale.

Le risultanze della graduatoria definitiva sono comunicate ai concorrenti e pubblicate per quindici giorni consecutivi all’Albo Pretorio del Comune.

Entro 15 giorni dalla comunicazione dell’assegnazione definitiva il privato risultato assegnatario del lotto o modulo oggetto del presente bando può comunicare l’eventuale rinuncia al lotto/modulo assegnato.

Nel caso di rinuncia di cui al comma precedente, la Giunta Comunale procede all’attribuzione del lotto scorrendo l’ordine della graduatoria definitiva.

Nel medesimo termine il privato che fosse risultato aggiudicatario di più lotti e/o moduli in conseguenza della partecipazione a più bandi per l’assegnazione pubblicati in esecuzione della deliberazione della Giunta Municipale n. 73 del 03.04.2008, dovrà scegliere il solo lotto o modulo per il quale vorrà pervenire alla stipula dell’atto di cessione.

Il privato assegnatario che non abbia esercitato nel termine la facoltà di scelta decade dall’assegnazione.

In entrambi i casi (esercizio della facoltà di scelta o decadenza) la Giunta Comunale procede all’assegnazione dei lotti/moduli scorrendo l’ordine della graduatoria definitiva.

Entro 90 giorni dall’approvazione della graduatoria definitiva, l’Amministrazione Comunale stipula, con i singoli privati assegnatari, l’atto pubblico di cessione del lotto o modulo assegnato secondo le modalità e con il contenuto di cui all’art. 25 del Regolamento.

La mancata presentazione alla stipula dell’atto di cessione e la mancata sottoscrizione della convenzione, comporta ipso iure la decadenza dall’assegnazione.

La Giunta Comunale provvederà in tal caso con propria deliberazione all’assegnazione del lotto, scorrendo l’ordine della graduatoria definitiva.

 

ART. 10. SPECIFICI OBBLIGHI.

Con la sottoscrizione e la presentazione della domanda di partecipazione al bando il soggetto interessato all’assegnazione assume i seguenti specifici obblighi:

– obbligo di accettare di tutte le clausole e condizioni del presente bando;

– obbligo di sottoscrivere l’atto di cessione.

– obbligo di pagare il prezzo di cessione;

– obbligo di presentare la richiesta di concessione edilizia per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale per l’insediamento di attività commerciali e/o artigianali entro sei mesi dalla stipula dell’atto di cessione;

– obbligo di richiedere contestualmente alla richiesta di concessione edilizia, nulla osta agli Uffici del Genio Civile,ai sensi della legge n. 64/1974;

– obbligo di iniziare i lavori entro dodici mesi dal rilascio della concessione edilizia;

– obbligo di concludere i lavori entro trentasei mesi dall’inizio degli stessi;

– obbligo di avviare l’attività dell’insediamento produttivo realizzato entro dodici mesi dalla conclusione dei lavori, dandone contestuale comunicazione al Comune;

– obbligo di mantenere la medesima attività avviata per almeno cinque anni decorrenti dalla data di inizio attività.

 

ART. 11. VINCOLO DI INCEDIBILITA’.

Con la sottoscrizione e la presentazione della domanda di partecipazione al bando il soggetto interessato all’assegnazione prende atto dei seguenti specifici vincoli, obbligandosi a rispettarne il contenuto:

-il lotto/modulo, gli edifici e i capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale sullo stesso edificati sono soggetti a vincolo assoluto di incedibilità per un periodo di dieci anni a decorrere dalla data di stipula dell’atto di cessione del lotto o modulo;

-per lo stesso termine i lotti e gli edifici sugli stessi realizzati non potranno essere ceduti in comodato, o in locazione e, comunque non potrà esserne ceduta in alcun modo la facoltà di sfruttamento e utilizzazione.

 

ART. 12. CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA DEL CONTRATTO DI CESSIONE DI LOTTO O MODULO AL PRIVATO ASSEGNATARIO.

L’atto di cessione del lotto/modulo si intende espressamente risolto (art.1456 c.c.) quando il Comune di Mineo abbia dichiarato nei confronti del privato, che sarà risultato assegnatario a seguito del presente bando, che intende valersi della clausola risolutiva espressa prevista dall’art. 29 del regolamento, e precisamente nei seguenti casi:

a) qualora non vengano rispettati i termini iniziali e finali previsti dal regolamento per la presentazione della domanda di concessione edilizia e per la realizzazione degli edifici;

b) in caso di trasferimento non autorizzato degli edifici realizzati o parte di essi in proprietà, comodato, locazione o altro nei 10 anni successivi alla cessione in proprietà al privato assegnatario, salvo il diritto del Comune al risarcimento del danno;

c) in caso di lavori e destinazioni d’uso in difformità sostanziale dalla concessione edilizia o in mancanza della stessa.

Nel caso di risoluzione del contratto di cessione, la proprietà del lotto o modulo assegnato tornerà di pieno diritto nella disponibilità del Comune di Mineo; il prezzo di cessione verrà restituito all’assegnatario inadempiente con una trattenuta del 30 % a titolo di penale.

Le eventuali opere realizzate nell’area assegnata passano gratuitamente in proprietà dell’Amministrazione Comunale. Resta ferma tuttavia la facoltà per l’Amministrazione Comunale di imporre l’abbattimento delle opere stesse, senza indennità di sorta e a spese dell’assegnatario inadempiente.

 

Per tutto quanto non specificato nel presente bando si fa riferimento al Regolamento per l’assegnazione e la cessione in proprieta’ di lotti per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale nel piano particolareggiato in zona “D” del Piano Regolatore Generale del Comune di Mineo, in Contrada “Fondacaccio”.

 

Responsabile del procedimento di assegnazione e cessione in proprietà dei lotti/moduli è l’Arch. Marcello Zampino, in qualità di Responsabile dell’Area dei Servizi Tecnologici e per il Territorio del Comune di Mineo;

 

 

Documenti allegati:

  1. planimetria piano particolareggiato;
  2. modello di domanda di partecipazione;
  3. schema di relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare e del programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan);

 

 

Il Responsabile dell’Area dei Servizi Tecnologici e per il Territorio

 

(Allegato “B” al bando di assegnazione del modulo n. 3)

 

AL SINDACO

DEL COMUNE DI MINEO

C/O Residenza Municipale

Piazza Buglio n. 40

95044 – MINEO

 

 

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI ASSEGNAZIONE DEL MODULO N. 3 NEL PIANO PARTICOLAREGGIATO IN ZONA “D” DEL P.R.G. DEL COMUNE DI MINEO IN C.DA FONDACACCIO, DESTINATO A imprese GIA’ COSTITUITE E OPERANTI PER LA COSTRUZIONE DI EDIFICI E CAPANNONI A DESTINAZIONE ARTIGIANALE E/O COMMERCIALE, per l’ampliamento o l’insediamento di nuove unità locali per attività produttive A CARATTERE ARTIGIANALE O COMMERCIALE.

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

 

in qualità di:

titolare dell’impresa individuale _____________________ (denominazione dell’Impresa), con sede legale in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________

 

ovvero:

in qualità di _______________________ e legale rappresentante della società: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ____________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________

 

ovvero:

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della società/impresa individuale: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ___________________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della società/impresa individuale: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ___________________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della società/impresa individuale: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ___________________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della società/impresa individuale: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ___________________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della società/impresa individuale: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ___________________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________

(AGGIUNGERE SE OCCORRE)

pluralità di soggetti, individuali o societari, titolari di impresa già costituita e operante alla data di scadenza del bando che assumono, con la sottoscrizione della presente domanda, specifica obbligazione di costituirsi in forma sociale o consortile, nel caso in cui dovessero risultare assegnatari del modulo in oggetto;

 

propone/propongono domanda per la partecipazione al bando in oggetto per l’assegnazione e la cessione in proprietà del modulo n. 3 per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale nel piano particolareggiato in zona “D” del piano regolatore generale del Comune di Mineo, in Contrada Fondacaccio”, approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. _____ del_____________, riservato a imprese già costituite e operanti, per l’ampliamento e l’insediamento di nuove unità locali per attività produttive a carattere artigianale o commerciale.

 

dichiara/dichiarano:

  • di avere preso visione del “Regolamento per l’assegnazione e la cessione in proprietà di lotti per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale nel piano particolareggiato in zona “D” del piano regolatore generale del Comune di Mineo, in Contrada Fondacaccio”, approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 04.07.2007;
  • di avere preso visione del bando di assegnazione approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. ___ del _________, di conoscerlo in ogni sua parte e di accettarne ogni clausola e condizione, senza eccezioni o riserve.
  • di assumere, per il caso di assegnazione, gli obblighi di cui alle condizioni di assegnazione del lotto o modulo previste dal regolamento e dal bando di assegnazione;

e, in particolare, per il caso di assegnazione:

  • di assumere l’obbligo di sottoscrivere l’atto di cessione e di pagare il prezzo di cessione;
  • di assumere l’obbligo di presentare la richiesta di concessione edilizia per la costruzione di edifici e capannoni a destinazione artigianale e/o commerciale per l’insediamento di attività commerciali e/o artigianali entro sei mesi dalla stipula dell’atto di cessione;
  • di assumere l’obbligo di richiedere contestualmente alla richiesta di concessione edilizia, nulla osta agli Uffici del Genio Civile,ai sensi della legge n. 64/1974;
  • di assumere l‘obbligo di iniziare i lavori entro dodici mesi dal rilascio della concessione edilizia;
  • di assumere l’obbligo di concludere i lavori entro trentasei mesi dall’inizio degli stessi;
  • di assumere l’obbligo di avviare l’attività dell’insediamento produttivo realizzato entro dodici mesi dalla conclusione dei lavori, dandone contestuale comunicazione al Comune;
  • di assumere l’obbligo di mantenere la medesima attività avviata per almeno cinque anni decorrenti dalla data di inizio attività;
  • di obbligarsi al rispetto del procedimento di assegnazione previsto dal citato Regolamento;
  • di assumere gli obblighi relativi ai casi di rinuncia, vincoli e risoluzione della vendita previsti nel bando e nel Regolamento.

Dichiara, in particolare, di ben conoscere e accettare gli articoli 27 “Vincoli” e 29 “Risoluzione della vendita”, del Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 04.07.2007.

Si allegano alla presente:

fotocopia di documento di identità in corso di validità del richiedente o dei richiedenti;

elementi dimostrativi del possesso dei requisiti di idoneità morale di cui all’art. 5 del bando (dichiarazione sostitutiva);

elementi dimostrativi del possesso dei requisiti di capacità tecnica di cui all’art. 6 del bando (dichiarazione sostitutiva);

elementi dimostrativi del possesso dei requisiti di capacità economico finanziaria di cui all’art. 7 del bando (dichiarazione sostitutiva e allegazione documenti);

relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare contenente un programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan) redatta sullo schema allegato al bando di assegnazione;

Luogo e data.

 

Sottoscrizione del legale rappresentante o dei legali rappresentanti.

 

 

 

(Allegato “C” al bando di assegnazione del modulo n. 3)

 

BANDO DI ASSEGNAZIONE DEL MODULO N. 3 NEL PIANO PARTICOLAREGGIATO IN ZONA “D” DEL P.R.G. DEL COMUNE DI MINEO IN C.DA FONDACACCIO, DESTINATO A imprese GIA’ COSTITUITE E OPERANTI PER LA COSTRUZIONE DI EDIFICI E CAPANNONI A DESTINAZIONE ARTIGIANALE E/O COMMERCIALE, per l’ampliamento o l’insediamento di nuove unità locali per attività produttive A CARATTERE ARTIGIANALE O COMMERCIALE RELAZIONE TECNICO – FINANZIARIA ILLUSTRATIVA DELL’ATTIVITA’ DA INSEDIARE E DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO AZIENDALE DI BREVE E MEDIO TERMINE (BUSINESS PLAN).

 

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

 

in qualità di:

titolare dell’impresa individuale _____________________ (denominazione dell’Impresa), con sede legale in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________

 

ovvero:

in qualità di _______________________ e legale rappresentante della società: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ____________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________

 

ovvero:

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della società/impresa individuale: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ____________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________;

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della società/impresa individuale: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ____________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________;

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della società/impresa individuale: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ____________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________;

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della società/impresa individuale: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ____________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________;

 

Il sottoscritto/a ________________________________, nato/a __________________ (Prov. _____) il ____________________, residente in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, codice fiscale ___________________,

in qualità di ____________________ legale rappresentante della società/impresa individuale: _________________________ (denominazione o ragione sociale della società), con sede legale in ________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, sede operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________, unità operativa in ___________________ (Prov. ____), via/piazza ___________________, n. ____, C.A.P. __________; capitale sociale euro ____________________, iscritta al Registro delle Imprese di _________________ al n. _______________________ partita I.V.A. _________________;

 

(AGGIUNGERE SE OCCORRE)

 

pluralità di soggetti, individuali o societari, titolari di impresa già costituita e operante alla data di scadenza del bando che assumono, con la sottoscrizione della domanda, specifica obbligazione di costituirsi in forma sociale o consortile, nel caso in cui dovessero risultare assegnatari del modulo in oggetto;

 

presenta/presentano, in relazione al bando di assegnazione in oggetto, la seguente relazione tecnico – finanziaria illustrativa dell’attività da insediare e del programma di sviluppo aziendale di breve e medio termine (business plan).

 

Lo schema contiene un’indicazione del contenuto minimo del business plan. Possono comunque essere fornite ulteriori informazioni che si ritengano utili ai fini della valutazione della proposta imprenditoriale.

Gli spazi riportati sono solo indicativi e ne possono essere aggiunti a scelta del proponente.

Su richiesta, lo schema del presente business plan può essere fornita su supporto informatico.

 

TITOLO DEL PROGETTO/INIZIATIVA: ______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

L’IMPRESA

  • Mission aziendale: (indicare gli obiettivi strategici dell’impresa)

 

 

 

  • Forma giuridica – motivazioni della scelta: (indicare la forma giuridica (individuale o sociale) in cui si svolge l’attività e le motivazione della scelta operata)

 

 

 

  • L’imprenditore individuale – i soci – residenza: (per i singoli imprenditori individuali o per i soci di società di persone o di capitali, indicare le generalità e l’eventuale decorrenza della residenza a Mineo)

 

 

 

  • Oggetto sociale o dell’attività: (indicare l’oggetto dell’attività risultante dal certificato di iscrizione al Registro Imprese)

 

 

 

  • Organizzazione aziendale:

 

 

 

    • Risorse umane: (indicare le risorse umane impiegate in azienda, distinte per profilo professionale con l’indicazione del tipo di contratto di lavoro, eventualmente allegare organigramma);

 

 

 

    • struttura e management: descrivere il metodo organizzativo aziendale indicando il ruolo di ogni componente e le previste funzioni aziendali;

 

 

 

  • Strategie commerciali: (indicare sinteticamente le strategie dell’impresa relativamente a prodotto, prezzo, commercializzazione e promozione)

 

 

 

SINTESI DESCRITTIVA DELL’INIZIATIVA

  • Situazione economica/sociale generale del territorio di insediamento:

 

 

 

  • Business idea:
    • Presentazione dell’idea: (descrivere l’idea che l’impresa si prefigge di realizzare e le motivazioni della scelta)

 

 

 

  • Descrizione dell’attività che si intende svolgere: (descrizione)

 

 

 

  • Mercato di riferimento:
    • Area geografica di riferimento (indicazione e descrizione sommaria):

 

 

 

    • Tipologia di clienti (indicare le tipologie di potenziali clienti e il numero in relazione all’area geografica di intervento):

 

 

 

    • Punti di forza e di debolezza dell’iniziativa (Elencare i punti di forza e di debolezza indicandone i motivi e il modo in cui possono favorire o ostacolare il successo dell’iniziativa):

 

 

 

    • I concorrenti, attuali e potenziali (analizzare la struttura e le caratteristiche della concorrenza nell’area geografica di riferimento, indicando gli aspetti che possono influire sul successo dell’iniziativa):

 

 

 

    • Minacce e opportunità (Descrivere i fattori che possono pregiudicare o favorire il successo dell’iniziativa, indicandone i motivi):

 

 

 

  • Scelte strategiche:

 

 

 

    • Descrizione del prodotto/servizio offerto (indicare i prodotti/servizi offerti in relazione alle potenziali tipologie di clienti):

 

 

 

    • Canali distributivi del prodotto/servizio offerto (indicare i canali distributivi diretti e indiretti previsti per la commercializzazione del prodotto):

 

 

 

    • Scelte promozionali (indicare le attività da avviare per fare conoscere l’attività):

 

 

 

    • Obiettivi di vendita (stimare la quantità di prodotto/servizio che si pensa di vendere sul mercato nel corso dei primi tre anni di attività):
PRIMO ANNO 

Prodotti/servizi

Unità di misura Prezzo unitario 

(a)

Primo anno di attività
quantità vendute fatturato previsto
(b) (a x b)
1
2
3
Totale

 

 

SECONDO ANNO 

Prodotti/servizi

Unità di misura Prezzo unitario 

(a)

secondo anno di attività
quantità vendute fatturato previsto
(b) (a x b)
1
2
3
Totale

 

TERZO ANNO 

Prodotti/servizi

Unità di misura Prezzo unitario 

(a)

terzo di attività
quantità vendute fatturato previsto
(b) (a x b)
1
2
3
Totale

 

 

PIANO OPERATIVO.

  • Processo di produzione/erogazione (Descrivere il processo che viene seguito per la produzione/erogazione dei prodotti/servizi, suddividendolo – se possibile – in fasi. ):

 

 

 

  • Localizzazione sede principale – motivazioni della scelta

 

 

 

  • Localizzazione unità produttiva – motivazioni della scelta

 

 

 

  • Rilocalizzazione di attività produttiva – zona di P.R.G. in cui si svolge l’attività – motivazioni della rilocalizzazione (in riferimento ai criteri previsti nel bando);

 

 

 

  • Iniziative che prevedono incrementi occupazionali a tempo indeterminato nel triennio dall’inizio attività: (numero previsionale unità)

 

 

 

  • Iniziative che prevedono incrementi occupazionali a tempo determinato di durata non inferiore a sei mesi, nel triennio dall’inizio attività: (numero previsionale unità)

 

 

 

  • Iniziative che siano in grado di determinare maggiore occupazione indiretta (indotto) locale: (descrizione – dimostrazione)

 

 

 

  • Iniziative che prevedono investimenti tendenti a valorizzare risorse locali e attività di trasformazione di prodotti del territorio: (descrizione – dimostrazione):

 

 

 

  • Capacità di sviluppo tecnologico innovativo in ragione alla tipologia di lavorazione svolta: (descrizione – dimostrazione)

 

 

 

 

PIANO DEGLI INVESTIMENTI

  • Piano degli investimenti: (illustrare il piano degli investimenti necessari per l’avvio e la gestione dell’iniziativa, dimensionato alla tipologia e alla quantità dei prodotti/servizi da realizzare o erogare)

 

 

 

  • Prospetto degli investimenti: (indicare i beni necessari per l’avvio e la gestione dell’iniziativa, indicandone la quantità e i costi)
quantità descrizione dei beni di investimento Importo investimenti totali 

(IVA esclusa)

a) Attrezzature, macchinari, impianti e allacciamenti
Totale
b) Beni immateriali ad utilità pluriennale
Totale
c) edificazione di capannone
Totale
TOTALE GENERALE (A+B+C)

 

 

 

PIANO ORGANIZZATIVO

  • Costi generali di struttura: (descrivere e indicare per i primi tre anni di attività, i costi generali necessari per l’avvio dell’iniziativa)

 

 

 

  • Costi delle risorse umane (indicare le risorse da utilizzare per l’iniziativa e le relativa mansioni):
Mansioni Costo unitario 

(euro)

(a)

Costo totale  

primo anno di attività

Qualifiche N . risorse (b) Costo (axb)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Totale per anno
Mansioni Costo unitario 

(euro)

(a)

Costo totale  

secondo anno di attività

Qualifiche N . risorse (b) Costo (axb)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Totale per anno
Mansioni Costo unitario 

(euro)

(a)

Costo totale  

terzo anno di attività

Qualifiche N . risorse (b) Costo (axb)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Totale per anno

 

 

PREVISIONI ECONOMICO FINANZIARIE.

  • Previsioni economiche (elaborare previsioni economiche per i primi tre anni di attività):

 

 

 

Stato patrimoniale previsionale:

STATO PATRIMONIALE Primo anno Secondo anno Terzo anno
Immobilizzazioni tecniche
Immobilizzazioni non materiali
Fondi di ammortamento (-)
IMMOBILIZZAZIONI NETTE (A)
Rimanenze
Crediti commerciali
Altre attività a breve
Cassa e liquidità
CAPITALE CIRCOLANTE (B)
TOTALE ATTIVO (A+B)
Capitale sociale
Riserve di utili
CAPITALE NETTO (C )
Debiti finanziari a M/L
Debiti finanziari a breve
Debiti verso fornitori
Altre passività
TOTALE PASSIVITA’ (D)
PASSIVITA’ E Capitale Netto (C+D)

Conto Economico previsionale:

CONTO ECONOMICO Primo anno Secondo anno Terzo anno
RICAVI DA VENDITE (A)
Costo dei materiali
Costo del lavoro
Acquisti di beni e servizi da terzi
Ammortamenti
Ammortamenti di produzione
COSTO DEL VENDUTO (B)
MARGINE LORDO (C=A-B)
Costi commerciali
Costi Generali e Amministrativi
Costi di Ricerca e Sviluppo
Ammortamenti non di produzione
Altri costi
COSTI DI PERIODO (D)
COSTI OPERATIVI
RISULTATO OPERATIVO (E=C-D)
Interessi passivi
REDDITO ANTE IMPOSTE (F)
Imposte
REDDITO NETTO (G)

 

 

ATTITUDINE ALL’ESPANSIONE DELL’IMPRESA.

Attitudine all’espansione dell’impresa in relazione alle documentate capacità economiche di sviluppo ed investimento: (dimostrazione)

L’attitudine è valutabile in relazione ai seguenti elementi:

  • Volume d’affari nel triennio precedente;
  • Numero medio dei dipendenti nel triennio precedente;

– Investimenti negli ultimi tre anni;

– Indebitamento bancario e leasing per investimenti negli ultimi tre anni;

Si allegano i bilanci almeno degli ultimi tre esercizi.

Luogo e data

Sottoscrizione del legale rappresentante o dei legali rappresentanti.

 

*

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...