Futuro e Libertà: Sull’area emergenza di Mineo servono garanzie per la cittadinanza

Comunicato ufficiale, 16 febbraio 2011:

Siamo fortemente preoccupati per l’atteggiamento poco responsabile assunto dal Governo Nazionale – affermano Puccio La Rosa coordinatore provinciale di Generazione Italia/Futuro e Libertà, e Nicolò Ferro coordinatore del Calatino – in relazione all’individuazione del “Residence degli Aranci” di Mineo quale centro di accoglienza per rifugiati politici. Appare preoccupante – spiegano i due dirigenti di FLI – che Berlusconi e Marroni pensino di ammassare oltre 7000 persone all’interno della struttura di Mineo senza valutare le conseguenze per il territorio e favorire un piano adeguato di gestione dell’emergenza. “Capiamo quanto sia importante l’integrazione e l’accoglienza di quanti abbandonano la propria comunità a causa di una enorme tragedia umana – spiegano Puccio La Rosa e Nicolo’ Ferro – ma non possiamo non preoccuparci per la notizia appresa e per la capienza del “residence degli aranci”, stimata intorno ai 7000 posti, ecco perché chiediamo l’invio di forze nuove a sostegno di Polizia e Carabinieri, che mantengano il livello di sicurezza per gli abitanti dell’area Calatina. Riteniamo – aggiungono La Rosa e Ferro – giusta, nonché dovuta, l’accoglienza dei rifugiati politici, ma ciò non deve avvenire a scapito della sicurezza dei nostri concittadini, non bisogna dimenticare che insieme a molti sfortunati sono in arrivo anche persone evase dalle carceri tunisine – continuano i due Amministratori di Futuro e Libertà – ecco perché si chiediamo misure adeguate al governo Berlusconi. Non può essere solo Catania e la sua provincia – aggiungono i due esponenti politici – a sopportare quella che è una evidente emergenza Europea. E’ evidente che non occorre creare allarmismo – proseguono Puccio La Rosa e Nicolo’ Ferro – ma con altrettanta evidenza occorre evitare pressappochismo e gestioni distratte e a scapito della Sicilia e della provincia di Catania. Ecco perché con Futuro e Libertà – concludono i due dirigenti politici – chiederemo precise garanzie alla prefettura e l’organizzazione di Consigli Comunali aperti al fine di sensibilizzare le istituzioni nel richiedere maggiore sicurezza per i propri concittadini.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...