(Caltagirone) Verso la scelta di un nuovo Sindaco per il centrosinistra

Documento approvato nella Conferenza politico-organizzativa di SEL di Caltagirone in data 12 Dicembre 2010.

Alla fine della tornata amministrativa arriveremo all’incirca a 20 anni di governo di centrosinistra nella nostra città.
Un ciclo lungo, sul quale SEL dà un giudizio sostanzialmente positivo.
Nonostante una fase che ha visto progressivamente ed inesorabilmente diminuire i trasferimenti ai Comuni da Roma e da Palermo, si è riusciti a dare alla città un governo onesto, puntuale, per lo più attento ai bisogni dei cittadini, in primo luogo dei più poveri.
La città è più vivibile, con il suo centro storico rivalutato, con i suoi musei aumentati nel numero e nella qualità.
La città si è aperta al turismo ed al turismo culturale.
È un inizio, è più di una idea per lo sviluppo, che implica fantasia, nuove politiche ed una più ampia offerta all’altezza di città riconosciuta dall’UNESCO, patrimonio dell’umanità.
Certamente non si è riusciti ad incidere sostanzialmente sul suo sviluppo economico complessivo e sul drammatico problema della disoccupazione, soprattutto giovanile.
Ma nessun Comune può incidere a questo livello, fuori da una politica complessiva regionale e nazionale.
Depressa e senza prospettive è tutta la Sicilia, come attesta il CENSIS e l’indagine del Sole 24 Ore che pone le provincie siciliane agli ultimi posti della classifica.
Oramai quasi alla fine della tornata amministrativa, SEL, nel centrosinistra e per il centrosinistra, sente forte il dovere di lavorare per creare le condizioni per la continuità nel governo della città.
Ha la consapevolezza di dover lavorare ad un nuovo inizio che implica continuità ma anche innovazione, nuova qualità e una svolta sul terreno della partecipazione.
Vogliamo immaginare e proporre una politica, emancipante, inclusiva, laica, in grado di fare esprimere la coscienza civile, certo un po’ più desta, ma ancora flebile, in grado di sostanziare la comunità che deve potere riconoscersi ed esprimersi anche al di fuori delle pur fondamentali e cementate ricorrenze religiose, per altro veri indicatori di un alfabeto sociale nel mezzogiorno.
Per SEL una nuova fase di centrosinistra nel governo della nostra città non può non sostanziarsi in forma di autogoverno dal basso che accompagnino una rivoluzione della consapevolezza.
SEL indica nelle Primarie di Programma per scegliere il candidato Sindaco ed i contenuti della sua azione amministrativa, lo strumento adatto al coinvolgimento più largo.
Le Primarie sono un’idea della politica, la più efficace per sconfiggere l’anti-politica.
SEL avvia, da questa conferenza politica-organizzativa, il suo autonomo percorso per la elaborazione di idee e per la individuazione di risorse umane da mettere a disposizione del centrosinistra prima e della città poi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...