(Palagonia) Le associazioni culturali e l’Amministrazione del Comune

In questa intervista il fondatore della associazione “Amedit – Amici del Mediterraneo” di Palagonia descrive una serie di episodi che stanno a dimostrare la scarsa attenzione del Comune nei confronti delle attività promosse dalle associazioni culturali. In particolare si sottolinea uno spostamento di fondi in bilancio dal sostegno alle associazioni all’incremento della cifra spesa per fuochi d’artificio e illuminazione straordinaria in occasione della festa per S. Febronia.

Qui di seguito il comunicato congiunto delle associazioni culturali di Palagonia:

LE ASSOCIAZIONI CULTURALI DI PALAGONIA AL COMUNE: NON VOGLIAMO PIU’ LA VOSTRA ELEMOSINA, GRAZIE DI TUTTO!

A seguito del respingimento da parte del Comune di tutte le iniziative culturali promosse dalle varie associazioni cittadine, queste si sono organizzate autonomamente, coalizzandosi, e mettendo su un programma inidipendente dal titolo “PALAGONIA: LA CULTURA CI UNISCE”. Hanno chiesto aiuto, e l’hanno ottenuto, da parte della Provincia Regionale di Catania e del Comune di Ramacca (che ha fornito palco e sedie); da parte di tre sponsor (Centro Ortopedico Siciliano – Ortofrutticola Toro & Catena – Ferraro Motors) e di tanti comuni cittadini e ditte che si sono prodigati in vario modo al fine di venire in aiuto alle scuole e alle associazioni bistrattate dall’Amministrazione Comunale di Palagonia. Le stesse Associazioni Culturali si sono autotassate, e ciascuna ha contribuito anche per gli oneri delle iniziative svolte dalle altre, in un’ottica di aiuto reciproco e solidale. Si sono pagate l’Enel, la Guardiania notturna per l’area degli spettacoli, ed anche il palco (poichè quello fornito dal Comune di Ramacca può rimanere solo i primi due giorni del programma).
Quest’operazione comporterà gravi danni economici, specie a quelle associazioni totalmente di volontariato, che non possono contare su un congruo numero di quote di iscrizione, ma certamente tanta soddisfazione sul piano morale. Una sfida vissuta fino all’ultimo, nonostante tutte le umiliazioni e le mortificazioni subite, per riaffermare la propria volontà di esserci, di operare e di poter promuovere un serio messaggio di riscatto civile e sociale per la città. TUTTE UNITE IN NOME DELLA CULTURA! L’Amministrazione dovrà giustificare (se mai ci sarà un modo per farlo) l’infelice e assurda decisione di tagliare i contributi alle associazioni culturali e la voce service per gli spettacoli previsti nel programma di S. Febronia, per destinarla a Bombe e Illuminazione (per i quali c’era già una cifra destinata). Una scelta, dunque, non di carattere economico, non motivata (come si vorrebbe far credere) da ragioni di risparmio, ma bensì un deliberato schiaffo morale nei confronti di tutti gli operatori culturali che da anni e anni prestano il loro prezioso servizio alla collettività. Con questo duro colpo inferto alla parte sana della Città, l’Amministrazione Comunale ha scritto una nuova triste pagina nella storia di Palagonia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...